TROFEO ENDURO KTM: RINNOVATA LA PARTNERSHIP CON AIROH PER LA STAGIONE 2024

A un mese dall’inizio della diciannovesima edizione del Trofeo Enduro KTM 2024, gli organizzatori annunciano il rinnovo della partnership con AIROH, azienda leader nella produzione di caschi da moto, che da sempre contribuisce al successo del monomarca più READY TO RACE d’Italia.

Il Trofeo Enduro KTM è un riferimento assoluto nel mondo delle competizioni offroad amatoriali e, grazie alla sua formula di partecipazione, ad ogni weekend di gara accoglie centinaia di “Orange Rider” pronti a sfidarsi su splendidi percorsi in sella alla propria KTM EXC.

Vero e proprio banco di prova per mettere alla frusta moto, piloti e abbigliamento tecnico, il Trofeo vive anche grazie alla presenza di sponsor e partner importanti, tra i quali spicca AIROH.

I prodotti del brand “Made in Italy” fondato da Antonio Locatelli rispecchiano al 100% i valori di KTM, dove READY TO RACE non è un semplice slogan, ma una vera e propria filosofia di vita. Infatti, come le moto austriache, anche i caschi AIROH sono testati in gara dai migliori piloti del mondo e questo porta a realizzare prodotti di qualità eccelsa.

Anche per quest’anno gli occhi degli appassionati saranno puntati sul modello STRYCKER e sul top di gamma AVIATOR 3, entrambi presenti all’interno del catalogo KTM PowerWear e caratterizzati da dotazioni tecniche di prim’ordine, che includono sistemi brevettati AIROH, tra cui i sistemi anti rotazionali per aumentare sempre di più la sicurezza di ogni rider.

Non vediamo l’ora quindi che arrivi il 10 marzo, data della prima prova del Trofeo Enduro 2024, in occasione della quale siamo certi che AIROH sarà protagonista lungo il percorso di gara e, come da tradizione, nel paddock del Trofeo, in occasione delle “sfide impossibili” organizzate a ogni tappa.

Antonio Locatellifondatore di AIROH: “Con grande piacere rinnoviamo la nostra partnership con il Trofeo Enduro KTM, un evento competitivo amatoriale che ogni anno raggiunge sempre più appassionati e che permette loro di mettersi alla prova con sfide estremamente stimolanti. È davvero un grande onore per noi poiché questa competizione, da sempre, racchiude tutti quei valori che compongono il nostro spirito, primo tra tutti lo sconfinato amore per le due ruote, quella spinta competitiva che ti porta a fare del tuo meglio per raggiungere un obiettivo”.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >