Sardegna Legend Rally 2023

L’Adventouring che parla sardo campidanese

AJò! Ad-ve-ntouring -nne vuoi!?!

La Sardegna è un luogo magico, legato a tradizioni radicate, forti, spigolose, come lo sono i sui territori e la sua gente. Straordinaria e tenace!

E di tenacia ce ne è voluta per resistere al bellissimo Sardegna Legend Rally 2023, organizzato da BIKE VILLAGE che si è svolto nel meraviglioso territorio sardo, con partenza da Arborea (Or), dal 2 al 4 giugno 2023, del quale vogliamo raccontarvi…

Partenza la mattina del 31 maggio con il “fido” van camperizzato per l’occasione. Carrello a seguito con sopra la fedele KTM 990 Adventure in bella mostra! Direzione Civitavecchia e partenza in traghetto per Olbia per poi dirigermi verso il paddock presso il residence Horse Country Resort ad Arborea, nell’ovest della regione.

Inaspettatamente ho trovato un paddock estremamente “racing” e professionale, con tanti team super organizzati, piloti e moto preparatissimi… quindi briefing pomeridiano e via a preparare la moto per il giorno dopo.

Supero il primo ostacolo (una saldatura d’urgenza) grazie all’aiuto di alcuni gentilissimi “colleghi” e già abbastanza stanco dal viaggio e dall’adrenalina che già scorre nelle vene, me ne vado a dormire con grandi aspettative per la prima tappa del venerdì 2 giugno!

Il clima è bellissimo, amichevole, “friendly”, come si sul dire, e ho subito stretto amicizia con tre ragazzi di Milano con i quali ho percorso l’intera prima tappa; l’imprinting è stato di quelli senza mezze misure e, delle tre, è stata la tappa con i percorsi più tecnici e sicuramente anche quella più bella a livello di guida.

Tracciato su terreno prevalentemente pianeggiante su dei rettilinei sterrati da fare a gas spalancato. Velocità adrenaliniche e un’andatura sempre “tirata” divertentissima!

Piacevole la navigazione con l’innovativo sistema roadbook WLP, installato su torretta 4k. Connubio perfetto in fatto di lettura e posizionamento che mi ha reso tutto più facile e intuitivo…

Il percorso mi ha portato nell’entroterra, fino ad arrivare al complesso forestale del Monte Grighine, dove era organizzato il il ristoro e da dove siamo ripartiti.

Dopo appena 10 km però, ci ha sorpreso un acquazzone che ha reso tutto davvero complicato! Le strade in salita sono diventati dei veri è proprio fiumi, con tanto di alberi sradicati e caduti lungo il tragitto che abbiamo dovuto spostare per riuscire a passare. Pozze profonde fino al ginocchio, terra viscida come l’olio, che ci ha impegnato molto nella guida e ci ha fatto davvero faticare.

Davvero tosta, ma anche davvero divertente!!! Per fortuna al rientro al paddock ho trovato una bella doccia calda ad aspettarmi. Poi cena con gli altri motociclisti organizzata nel ristorante del Resort e poi a letto per recuperare le forze!

Chiaramente il mio alloggio è stata la tenda per tutte e tre le notti. Forse meno confortevole di una camera ma indubbiamente più attinente allo spirito “Adventouring”.

Seconda tappa: sfiorato il… carcere!

La seconda tappa del sabato è caratterizzata dal passaggio attraverso delle cave bellissime, e vicino a un carcere militare, a cui solitamente l’accesso è negato se non si hanno permessi speciali.

La strada percorsa è di una bellezza unica, in particolare un sentiero molto tecnico, in single track con tanti tornanti a gomito con delle pozze assurde a causa pioggia del giorno prima. Con la grossa 990 non è stata un’impresa facile, ma il mio “metroennovantacinque” e la gamba lunga mi sono state di grande ausilio. Tanta la fatica ma come per il primo giorno divertimento “a strati”!

Al ristoro, presso la zona interna di Villacidro, ho conosciuto dei piloti austriaci che si stavano allenando per la prossima Dakar. Il paddock non aveva “mentito”, e in effetti tra i partecipanti molti erano piloti giunti al Legend Rally per allenarsi per le più importanti e massacranti gare di rally mondiale. E questo la dice lunga sul livello di questa manifestazione…

Il pomeriggio ho proseguito in solitaria, per gustarmi al meglio panorami, strade e la mia moto! Il percorso mi ha portato sulla sabbia delle spiagge sarde, ed esattamente sulle famose dune di Piscinas, le più alte d’Europa. Una libidine assoluta!

Al rientro al paddock, dopo doccia e manutenzione alla KTM, insieme agli amici bergamaschi, ci siamo recati a Marceddi, un paesino piccolissimo a ridosso del mare, molto particolare dove ci siamo rilassati di fronte alle bellezze sarde (decidete voi di che bellezze parlo…), in compagnia di un rinfrescante aperitivo e una bella cena!

Last but not least: l’ultimo giorno

Siamo così giunti alla domenica 4 giugno, terzo e ultimo giorno di questo fantastico Adventouring.

Pronti via e subito un tratto di sabbia. Con la grossa KTM 990 l’impegno è notevole. Si deve stare attenti a bilanciare bene i pesi e tenersi in equilibrio su un fondo totalmente instabile. Esperienza da veri Dakariani!

Il percorso si è poi sviluppato su tratti scorrevoli e veloci, ma accompagnati da panorami mozzafiato sul mare, che ti obbligavano a una sosta per ammirare tanta bellezza e scattare qualche foto, che saranno di supporto a un ricordo indelebile, che solo la Sardegna sa lasciare nella mente e nel cuore.

Mi sono quindi diretto verso il paddock, con passo sostenuto e con la soddisfazione di aver percorso un’altra tappa favolosa; lì ad aspettarci i nostri tre amici sardi, che ci hanno preparato un fritto di pesce super gustoso!!!

Con rammarico, dopo pranzo, il paddock si è pian piano svuotato, lasciando il posto a quelle sensazioni uniche che restano dopo un’esperienza di questo livello…

Il ritorno a casa è filato liscio, e devo dire che la mia prima esperienza a un rally è stata estremamente positiva

Forse perché i posti che ho visitato sono di una bellezza unica, forse perché i percorsi sono stati adrenalinici e gustosi da guidare, tecnici o veloci a seconda del luogo attraversato, o forse perché l’organizzazione è stata impeccabile.

Sta di fatto che la navigazione con il roadbook mi ha lasciato l’appetito e la voglia di riprovare, e questo è segno che il divertimento c’è stato e che questa esperienza la voglio ripetere!

Un ringraziamento va a tutti i ragazzi dell’organizzazione e alle amministrazioni sarde che hanno permesso lo svolgimento di questa fantastica manifestazione.

Ci vediamo al prossimo evento che si terrà in ottobre. Non mancherò di raccontarvelo: anzi, vi consiglio proprio di non perdervelo.

Ci vediamo in terra sarda! Ajò!!!

Testo e video: David Stoppel

Foto: Riccardo Lopez

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >