Acerbis – PETTORINA LINEAR

Acerbis celebra l’inizio del 2024 rinnovando un classico della sua produzione. Si tratta della pettorina della gamma Linear, ora disponibile nella nuova colorazione Chameleon, una variante cangiante che va ad aggiungersi alle 11 presenti a catalogo. 

Realizzata con ampie sezioni in polipropilene e spalline in gomma pre-curvate al fine di adattarsi al meglio alla postura di guida. La pettorina Linear è molto resistente, confortevole, leggera ed è stata studiata espressamente per piloti di altezza compresa tra 165 e 190 cm. Il design minimal e la facilità d’uso, inoltre, si combinano a una valida protezione di torace e schiena, con omologazione parasassi EN 14021:2003.


Non mancano aree deputate alla ventilazione, spalline in materiale morbido ed elastici regolabili all’altezza dei fianchi, per poter fissare al meglio la protezione. La pettorina Linear si caratterizza per essere bi-componente, ossia le spalline vengono sovra stampate direttamente sul chest protector in fase di assemblaggio, in questo modo si evita la presenza di fastidiose cuciture e viene inoltre garantita una maggiore resistenza. L’ingegnerizzazione e la produzione sono completamente made in Italy.

Prezzo al pubblico 64,95 €

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >