La Sardegna che non ti aspetti di vedere in moto

Un viaggio nell’entroterra sardo che in pochi conoscono. Lunghi tratti di collegamento tra un paese e l’altro fatti di asfalto e segnaletica nuovi. Una cura maniacale del manto stradale e le caratteristiche curve a vista che rendono prevedibili traiettorie ed impostazioni, fanno di questa terra un luogo perfetto per chi vuole divertirsi in sicurezza con la propria moto.

Nonostante fosse la prima volta che andavamo in Sardegna con le moto, gli itinerari ed i percorsi da fare, erano stati minuziosamente pianificati e studiati a tavolino, giorno per giorno, con la volontà di esplorare esclusivamente l’entroterra perché avevamo intuito che all’interno, sul massiccio del Gennargentù c’era qualcosa di speciale, di unico. Parlando infatti precedentemente con amici e conoscenti che avevano girato l’isola in moto, praticamente tutti ci avevano decantato la bellezza delle strade di tutte le coste della terra Sarda, strade che già alcuni di noi conoscevano perché magari le avevano percorse in macchina per andare in vacanza, io stesso posso dire che avendo passato vacanze al mare della Sardegna per oltre 15 anni, ho girato gran parte dell’isola, da Stintino a Santa Teresa per poi proseguire in Costa Smeralda fino a tutta l’Ogliastra per arrivare in Costa Rei e Villasimius.
Ben presto ci rendemmo conto che il meglio delle strade era in gran parte all’interno e cosi decidemmo che la nostra base logistica doveva essere direttamente sul Gennargentù, per poi da li partire alla volta dei percorsi più affascinanti che abbiamo mai calcato.
Quello che ho trovato è qualcosa che ancora oggi fatico a trovare altrove. Le sensazioni provate erano ben oltre le aspettative e ci tengo a precisare che, hanno condiviso il viaggio con me amici che avevano esperienze molto più importanti delle mie misurate in km e posti visitati. I miei compagni di viaggio erano bikers che hanno girato la Francia, le Alpi e sulle strade più famose dell’Italia centrale come la Toscana e Abruzzo ma anche Loro come me sono rimasti affascinati da questi luoghi.
La sera a tavola ci confrontavamo e eravamo tutti concordi nel dire che le strade percorse erano di un livello superiore alla media!
Grip paragonabile ad esperienze fatte in pista, visibilità delle curve e quasi totale assenza di traffico.
Tutto questo ci ha fatto innamorare ancor di più dell’isola a tal punto che gli ultimi due anni ci siamo tornati una seconda volta nella stessa stagione.

Questa esperienza mi ha fatto raggiungere un livello di appagamento altissimo, ma di contro il lunedì mattina in ufficio ero veramente depresso ed ho cominciato a fare il countdown per il mio successivo viaggio in Sardinia.
… ..il racconto di un viaggiatore.

https://www.stradaroadlife.it

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >