Val d’Orcia Adventure: Buona la prima!

I comuni di Sarteano e Radicofani scelgono i motociclisti, appassionati di fuoristrada, come veri testimonial dei loro territori.

L’unione fa la forza e quando ad unirsi sono l’esperienza del Moto Club Umbria e la passione del Val d’Orcia Rally Team il risultato è quasi scontato, un evento perfettamente riuscito destinato a diventare un must per i mototuristi alla scoperta di una delle zone geografiche più affascinanti della Toscana e del nostro paese.
Nel pomeriggio di venerdì 31 Maggio Sarteano è pronta ad accogliere i 50 partecipanti della manifestazione di moto Adventouring, alla sua prima edizione, inserita nel calendario eventi de “le vie dei Lupi e Bisonti”, davanti alla splendida chiesa di San Francesco, riservando un un parcheggio per le moto iscritte che prende subito le sembianze di un vero paddock.
Le operazioni di registrazione prevedono la consegna dei roadbook e il caricamento delle tracce. Le buste di benvenuto ai partecipanti sembrano piuttosto delle vere “ceste di Natale” poichè ricche di ogni ben di Dio: pacchi di pasta, olio d’oliva, gazzosa, chinotto… tutti prodotti rigorosamente tipici e offerti da produttori locali, segno evidente della sinergia istaurata tra gli organizzatori e le realtà commerciali della zona.
La prima serata si conclude al ristorante, nel borgo di Sarteano, dove ci vengono serviti affettati e piatti deliziosi, in grandi quantità. Subito quindi la prima presa di coscienza del weekend: in Val d’Orcia, di fame, non si muore!

Rispetto dei luoghi e il divertimento è assicurato!
Il briefing del sabato mattina si svolge nella piazzetta di Sarteano, all’ombra del monumento ai caduti d’Italia, dove Filippo Agravi presidente del neonato Val d’Orcia Rally Team ci ricorda che tutto il percorso è stato regolarmente autorizzato dalle autorità competenti e con il benestare dei comuni coinvolti. Si raccomanda quindi al rispetto delle regole del buon senso, garantendo divertimento e paesaggi mozzafiato. Le mie aspettative, già alte, a questo punto sono diventate altissime.
Foto di rito e via… si parte!

Le strade che ho sempre sognato, esistono davvero.
Sono bastati davvero pochissimi chilometri e l’orologio si ferma.
La mente fa un reset: gli impegni della settimana appena conclusa, l’ossessione quasi nevrotica del controllo continuo delle notifiche sul telefono, lo stress da traffico cittadino, tutto sparisce, in un attimo. Occhi e cuore si aprono a ciò che ogni motociclista ha sempre sognato, è lo spettacolo naturale della Val d’Orcia e delle sue strade sterrate che tagliano in mezzo verdi colline, estese fin dove lo sguardo arriva con file di alti cipressi che spezzano la linea d’orizzonte.
I 190 km di percorso del primo giorno si srotolano su alcune delle strade più belle ed apprezzate da biker e motociclisti di tutta Europa: la Via Francigena, la Strada del Brunello, San Quirico e le crete senesi. Un vero spettacolo!
Percorso facile, perfettamente percorribile anche in coppia e con gomme dual-sport. Decisamente più tecnico invece il giro del secondo giorno ma dove anche i piloti meno esperti si sono potuti divertire a portare i loro bisonti su strade con una certa pendenza, coperte dal tipico brecciolino di sasso delle crete senesi che richiede una maggior concentrazione, offrendo in cambio il divertimento puro ed  appassionante della vera guida in off-road.

NAVIGARE…che passione!
L’indole rallistica dei componenti del moto club Umbria è evidente, lo si capisce bene anche osservando le moto che guidano, tutte dotate di strumentazione per la navigazione con roadbook cartaceo.
Poteva quindi mancare la possibilità di scegliere il buon vecchio “rotolino” di carta per scoprire la bellezza di questi percorsi? Certo che no! Ed è proprio qui che entra in gioco l’esperienza di Filippo Ceccucci, presidente del moto club Umbria, che ricco di anni di esperienza maturata sui campi delle competizioni internazionali di motorally, tra le quali è doveroso citare il “Rally dell’Umbria”, ha voluto offrire ai partecipanti un’alternativa alle classiche tracce in formato gpx.

SAVE THE DATE! “Ci rivediamo il prossimo anno”.
Francesco Landi, sindaco di Sarteano e appassionato motociclista, lo ha espresso chiaramente: “quella di quest’anno è la prima edizione di un evento mototuristico che punta a diventare un appuntamento fisso per gli appassionati del viaggio in moto, dell’enogastronomia e dello star bene insieme.”

Dal prossimo anno i motociclisti che potranno apprezzare dei colori e dei sapori della Val d’Orcia saranno certamente di più, la macchina organizzativa funziona bene e ha superato la fase di rodaggio a pieni voti.
Durante il pranzo di domenica siamo stanchi, il primo caldo-bestiale della stagione si fa sentire e proprio il sole, assente ingiustificato per tutto il mese di maggio, è stato senza alcun dubbio uno dei grandi protagonisti di questo weekend.
Siamo quasi al momento dei saluti finali e mentre al Mugello sta iniziando la grande festa per celebrare l’impresa del mitico Petrux, le prime moto vengono rimontate sui carrelli alla volta di casa.
Complimenti a tutto il Val d’Orcia Rally Team: buona la prima!
Ci rivediamo il prossimo anno.
Un ringraziamento speciale ad Alvise Raimondi e Nicola Morgantini 
del MC Umbria per l’accoglienza e la disponibilità mostrata.


Testo: Riccardo Rosi
Foto: Riccardo Rosi – Alvise Raimondi – David Tosoni

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >