IL SISTEMA DI NAVIGAZIONE TURN BY TURN ARRIVA SULLA DESERTX

Esplorazione, divertimento e performance. E una gran voglia di prendere e partire. L’identità della DesertX non lascia dubbi: è la prima Ducati moderna con ruota anteriore da 21” ed è stata progettata per affrontare anche l’off-road più impegnativo. Presentata nella colorazione Matt Star Silk, alla quale si è aggiunta la nuova livrea “RR22”, con il modello 2023 introduce per prima nella gamma Ducati il nuovo sistema di navigazione Turn by Turn.

Il navigatore integrato è basato sul Ducati Multimedia System, che sfrutta la strumentazione TFT della moto per visualizzare le indicazioni del percorso calcolato dalla Ducati Link App. In questo modo si possono sfruttare le funzionalità di navigazione senza dotarsi di un dispositivo esterno. 

Si tratta di un accessorio ufficiale Ducati Performance e può essere acquistato presso i Ducati Store assieme alla moto o anche in un secondo momento, permettendo così di essere utilizzato anche da chi possiede già una DesertX.

Il sistema si appoggia alla connessione Bluetooth fra smartphone (iOS oppure Android) moto e auricolari sui caschi di pilota e passeggero attraverso il Ducati Multimedia System (accessorio da acquistare separatamente) che mostra sulla strumentazione le notifiche relative a telefonate, messaggi/email ricevuti e ascolto della musica presente sullo smartphone.

Per utilizzare il sistema di navigazione Turn by Turn è necessaria la Ducati Link App aggiornata alla versione più recente, e l’acquisto della licenza d’uso. Dopodiché, sarà sufficiente inserire una o più destinazioni perché l’applicazione calcoli il percorso secondo le preferenze impostate (il più rapido, il più efficiente, esclusione di strade con pedaggio, eccetera) e si possa avviare la navigazione.

Il telefono può quindi venire riposto in tasca, in una borsa serbatoio oppure sul supporto Ducati Performance, senza la necessità di mantenere acceso il display. La navigazione avviene con il supporto di mappe che è possibile scaricare preventivamente per ridurre il consumo di traffico dati oppure di trovarsi in difficoltà in zone di scarsa copertura del segnale. Mantenendo il telefono online è però possibile usufruire di indicazioni legate al traffico in tempo reale.

Le indicazioni di navigazione vengono visualizzate sullo schermo lasciando spazio alle informazioni rilevanti per la guida, per non compromettere la sicurezza. Sempre in ottica di sicurezza, il sistema mostra, assieme all’indicazione della svolta in avvicinamento, anche quella successiva per dare modo al pilota di prepararsi con largo anticipo alle manovre da compiere successivamente. È anche possibile visualizzare i limiti di velocità del tratto che si sta percorrendo grazie ai dati presenti sulle mappe.

Il sistema permette di scegliere quali indicazioni ricevere (visive oppure visive e auditive, se attivo un collegamento con l’auricolare del pilota) e di registrare il percorso assieme a tutti i dati di velocità, angolo di piega, foto scattate durante il viaggio, in maniera da poter poi rivivere l’esperienza o condividerla con gli amici. Il sistema, che verrà costantemente evoluto nelle funzionalità nelle sue prossime versioni, sarà installabile anche sul Diavel V4.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >