Dopo la befana c’è il Mototrip da 35 anni

“Perseverare autem diabolicum” dicevano i latini! E al Mototrip di Terni sono sia perseveranti che diabolici! Direi diabolicamente fantastici!

I ragazzi del Moto Club Racing Terni hanno creato per la 35° volta una delle più belle e toste moto cavalcate di Italia, ricca di tradizione, fama e carattere vero!

Il Mototripgrazie alla tenacia dei suoi organizzatori, e grazie al supporto di un’amministrazione che aiuta e sostiene il Moto Club, ha creato negli anni quella che ormai si può definire una “festa dei motociclisti” a 360°. Un vero e proprio evento che non coinvolge solamente gli enduristi “duri e crudi” ma estende il proprio “abbraccio” anche alle altre categorie, rappresentate dai trialisti, dagli enduristi con le Maxi enduro bicilindriche, ai moto turisti con le moto stradale e addirittura alle e-bike!

Per un intero week end Terni si è trasformata in una città a “due ruote“ospitando centinaia di motociclisti provenienti da tutto il centro Italia ed oltre.

Il centro della città ha ospitato stand, espositori ed è stato utilizzato come punto di partenza della  manifestazione per tutte le categorie.

Appena giunti sul posto i centauri hanno trovato con facilità ampi spazi dove parcheggiare carrelli e furgoni, tutto in prossimità della zona di partenza e vicino alle iscrizioni.

Quindi breve fila al “gabbiotto” per le iscrizioni, ritiro gadget, numero tabelle e via! Si porta la moto sotto l’arco Bardhal, pronti per la partenza.

La giornata è meravigliosa: sole splendente ma temperature ben al di sotto dello zero, che comunque non hanno scoraggiato gli oltre 400 centauri accorsi a prendere parte all’evento!

Musica Rock di sottofondo con il dj e uno speaker brillantissimo hanno tenuto viva l’attesa, presentando e intervistando i vari personaggi del luogo, sia sportivi che non. Da non dimenticare che Terni è una città con una grande tradizione motoristica, che ha dato i Natali al grandissimo Libero Liberati campione del mondo di motociclismo negli anni 50, nonché al mitico Danilo Petrucci e anche al campione di enduro Tommaso Montanari che ha fatto da apripista alla partenza del Mototrip.

L’adrenalina “monta” man mano che piazza Buozzi si riempie di un battaglione di motociclisti che prendono posto sullo schieramento, invadendo letteralmente tutta la piazza e la strada adiacente. Un grosso sparo, lo speaker dà il via e il 35° Mototrip parte!

Un fiume rumoroso e colorato scorre per le vie della città, diretti verso l’ingresso del percorso.

Poche centinaia di metri di sterro e subito la prima deviazione Hard/soft che scinde immediatamente i più temerari dai più tranquilli…

Di fronte ai motociclisti si aprono bellissimi percorsi di varia difficoltà, fatti da un fondo compatto e roccioso, tipico della zona, ma anche passaggi di sasso smosso e tanto single track!

Gli hard facoltativi via via incontrati nel percorso non sono di quelli “impestati” ma molto tecnici e selettivi, soprattutto nei lunghi tratti di single track in discesa davvero provanti!

Bellissima l’estrema di Greccio, coreografica e divertente, con i ragazzi del Moto Club vestiti da centurioni a incitare i motociclisti per spingerli a saltare l’ostacolo!

Dopo circa 40 km di un percorso favoloso e di paesaggi fantastici, ci troviamo tutti al rifornimento e dopo altri 20 km la prima sosta ristoro presso “Il Canto del Gallo” località Parco del Monte nel comune di Montasola (RI). Posto bellissimo, all’interno di un parco illuminato da un sole quasi primaverile. Gli enduristi si sono piacevolmente rifocillati e riposati per poi ripartire verso la parte finale del percorso.

Scorsi dei tratti più scorrevoli ma paesaggisticamente unici, ci troviamo al secondo Hard “coreografico” della cavalcata! Sempre con i ragazzi del moto club vestiti da… parti intime femminili (!!), musica a palla e un tratto di pietra smossa che ha messo in crisi i piloti un po’ più “timorosi” e meno scafati. L’attraversamento del tratto si concludeva comunque con urla, applausi, moto spinte e tante risate!! Un’atmosfera divertentissima!!

Da lì pochi km e siamo arrivati al Ristorante Tavola Calda “Coffee Break”, attraversando nuovamente la città.

Dopo 115 km di percorso, un bel pranzo di ottima cucina locale e un caldo bicchiere di vino, hanno coronato una giornata eccezionale, caratterizzata da un senso di accoglienza, sport, amicizia e divertimento, come poche manifestazioni sanno regalare!

I complimenti vanno a tutta la struttura organizzativa della città, ma soprattutto a coloro che hanno realizzato il percorso, creando una cavalcata “goduriosa” per i motociclisti di tutti i livelli, prestando attenzione anche alla sicurezza, all’assistenza, e alla segnalazione del percorso sempre precisa.

Allora appuntamento al prossimo anno e che la “perseveranza” porti il Moto Club Racing Terni a festeggiare fino ad almeno la centesima edizione!!

Testo: Tommassini Edoardo

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >