BETADAY 2022

Finalmente, dopo 2 anni di stop forzato dalla pandemia, l’area limitrofa allo stabilimento Betamotor ha potuto ospitare la festa finale che gli appassionati del marchio attendono per tutto l’anno. Lo spettacolo non è mancato nella giornata di domenica, che ha visto un programma ricco di appuntamenti sia per i piloti in gara che per gli spettatori.
Più di 300 le moto presenti all’evento, contando le presenze dei piloti Enduro, Trial e gli iscritti alla Motocavalcata, a conferma dell’interesse verso le manifestazioni promosse dal Marchio. Gli spettatori hanno quindi potuto godersi uno show continuo tra i piloti i piloti in gara e le manche spettacolo, in cui si sono cimentati i piloti Ufficiali Beta Factory, protagonisti di una serie di prove di abilità che hanno incantato il pubblico. Esposizione della gamma, punti merchandising ufficiale Beta, servizio di ristorazione e un’area attrezzata per la prova della gamma elettrica Mini per i bambini, completavano il colorato paddock allestito attorno allo stabilimento, dove si sono svolte anche le sessioni di autografi dei piloti ufficiali Beta Factory: Freeman, Holcombe, Lupino, Grattarola, Gandola, Haga, Gelabert ed altri. Eccezionalmente presente anche lo stunt Sam King, che si è lanciato in un backflip mai provato prima, scatenando il pubblico presente.

Il 5° appuntamento con il Challenge Enduro Master Beta prevedeva due prove speciali individuate dal MC Colli Fiorentini: un enduro test e un cross test, rispettivamente di 1,8 km e 4 km, da ripetersi per sei volte. 
Ad avere la meglio nella Classe Assoluta di giornata è stato l’ospite Fabio Pampaloni, più veloce di Filippo Grimani, mentre il terzo miglior interprete è stato Andrea Rocchi, che dopo la performance di giornata si è guadagnato l’oro nella Top Class dell’Enduro Master Beta 2022, lasciando argento e bronzo rispettivamente a Roberto Bazzurri e ad Andrea Gava.
La Classe 125 è andata invece a Davide Mei, che ben si è comportato nel corso di tutta la stagione, vincendo su Giacomo Grisenti ed Elia Pegoraro, che andavano a completare il podio.
Salendo di cilindrata per la Categoria 2T, a fare da mattatore indiscusso è stato Federico Fanzio che ha staccato il miglior crono rispetto ai suoi autorevoli avversari di campionato, Jacopo Rossi e Mattia Coppa. Nella Classe 4T a dominare è stato Lorenzo Gori, che ha lasciato dietro di sé le ruote tassellate di Rocco Pizzirani e Alexander Maltry. La Classe Veteran è andata ad un insuperabile Renzo Ravagli.
Per quello che riguarda il 32° Trofeo Master Trial invece era stato previsto un percorso ad anello studiato dal MC Pegaso che univa due gruppi zone, separati da circa un chilometro di trasferimento. Le prime cinque sezioni erano site nella vicina cava, fuori dallo stabilimento, mentre le ultime tre sono state individuate nel parco interno, a pochi passi dal paddock, dove erano state tracciate anche le zone per i più piccoli delle categorie Minitrial mono, Entry e C1.

Le premiazioni di giornata, presiedute dal primo cittadino di Rignano sull’Arno Giacomo Certosi, hanno visto protagonisti:

Filippo Locca (Team Locca) nella TR2, Federico Gelai (Team Piazza) nella TR3, Stefano Conforti (Mc Crociati Parma) nella TR3 OPEN, Andrea Martini (Mc Veneto Eventi) nella TR4, Fabrizio Barre (Team Rabino) nella TR4 OVER, Erica Bianchi (Mc Lazzate) nella FEMMINILE, Claudio Leonelli (Team Bosi) nella TR5, Gabriele Racca (Mc La Guardia) nella TR6, Gaia Guaschino (Team Locca) nella FEMMINILE B, Cloe Balestra (Mc Rio Lanza) nella FEMMINILE C, Denio Munari (Mc Veneto Eventi) nella VINTAGE, Matteo Marenghi (Mc Rio Lanza) nella VINTAGE OPEN, Edio Poncia (Fiamme Oro Giovani) nella Minitrial A, Gabriele Vietti Violi (Mc Domo ‘70) nella Minitrial B, Riccardo Iaculano (Mc Rio Lanza) nella Minitrial C, Andrea Galimberti (Mc Rio Lanza) nella Minitrial C1, Federico Guglielmetti Muggion (Team Rabino) nella Minitrial Entry e Mattia Fadda (Mc La Guardia) nella Minitrial Mono.

Incoronati campioni 2022 invece:

Matteo Bosis (Mc Lazzate) nella TR2, Roberto Casaretto (Mc La Guardia) nella TR3, Nicolò Marcomini (Mc Rio Lanza) nella TR3 OPEN, Luca De Leonardis (Mc Valli del S.O.L.) nella TR4, Giuliano Fobelli (Mc Domo’70) nella TR4 OVER, Erica Bianchi (Mc Lazzate) nella FEMMINILE, Claudio Leonelli (Team Bosi) nella TR5, Gabriele Racca (Mc La Guardia) nella TR6, Gaia Guaschino (Team Locca) nella FEMMINILE B, Cloe Balestra (Mc Rio Lanza) nella FEMMINILE C, Enzo Afri (Mc Domo‘70) nella VINTAGE, Edio Poncia (Fiamme Oro Giovani) nella Minitrial A, Giacomo Villari (Tema Locca) nella Minitrial B, Riccardo Iaculano (Mc Rio Lanza) nella Minitrial C, Andrea Galimberti (Mc Rio Lanza) nella Minitrial C1, Tony Viero (Team Piazza) nella Minitrial Entry e Mattia Fadda (Mc La Guardia) nella Minitrial Mono.
Concluse la 5° edizione del Master Enduro, la 32° del Master Trial e la prima Motocavalcata BetaRide tutti nuovamente all’opera per gettare le basi per l’edizione 2023. Rimanete sintonizzati!

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >