TREKKER OUTBACK EVO – Ricette inedite per il classico tris di valige

La gamma di valigie in alluminio più prestigiosa del marchio, si presenta al pubblico del Salone di Milano nella sua veste più completa. Anteprima per il secondo topcase della linea (da 42 litri) e versione definitiva della valigia laterale destra scantonata, la prima del genere in casa GIVI, finalmente pronta per il mercato. Con questo significativo aggiornamento le OUTBACK EVO aggiungono all’elenco di tecnicismi di nuova generazione – ben sei brevetti – un’inedita versatilità di utilizzo. 

Se i grandi viaggi in moto rappresentano una forte passione, valutate attentamente la   proposta “premium” di GIVI. 

Le valigie OUTBACK EVO, disponibili con finitura “natural” e “verniciate in nero” rappresentano davvero un salto in avanti del segmento valigie in alluminio. Sono Made in Italy, vantano un design accattivante, tanti accessori complementari dedicati e una resistenza alle sollecitazioni mai raggiunta prima.

La prima parte della gamma è stata presentata alla scorsa edizione di EICMA e           nuovamente al Salone di Milano 2023 spetta il compito di ospitarne l’atteso aggiornamento. Ad aggiungersi al topcase da 58 litri e alla coppia di valigie laterali da 37 litri sono un    secondo bauletto da 42 litri e una nuova laterale destra scantonata da 33 litri.

TOPCASE TREKKER OUTBACK EVO 42A e 42B 

Il nuovo 42 litri mantiene tutte le caratteristiche tecniche del modello più grande, a partire dal sistema di      aggancio alla moto: il MONOKEY. Ad accomunare i due è naturalmente anche la linea estetica, che mette in mostra nuovi e funzionali angolari che permettono di eliminare i passacinghia e rendere più sicuro l’attacco alle maniglie tubolari.

Pensato per i segmenti Maxi enduro e Adventure, esso offre uno spazio che permette di stivare un casco modulare o integrale. Il coperchio dispone di un sistema di rotazione frizionabile (Adjustable Resistance Hing System) che consente di regolare a piacimento la velocità di chiusura evitando inconvenienti durante le soste in pendenza.

Per l’OUTBACK EVO 42A/B, GIVI ha studiato una ricca dotazione di accessori optional che permettono una personalizzazione mirata. 

SCHEDA RIASSUNTIVA: Codici: OBKN42A/ OBKN42B. Dimensioni: 440 x 325 x 456 x mm. (BxAxP) Volume: 42 litri. Max load: 10 Kg. Contiene un casco integrale o modulare. Serratura Security Lock fornita di serie. Optional: rete elastica E168. Maniglia universale E185. Supporto E199 per borracce termiche in inox STF500S. Trolley pieghevole E206. Coppia cinghie Trekker Straps S351. Borsa interna T511. Quick Pack, zaino richiudibile T521. Borse cargo X-Line water resistant XL01…

LATERALE SCANTONATA TREKKER OUTBACK EVO 33A e 33B 

La valigia che mancava! il suo “doppio fondo” la rende specifica per il montaggio su moto equipaggiate con scarico alto sul lato destro, delle quali fanno parte diverse Adventure e Maxi enduro. La 33 litri è dunque acquistabile singolarmente ma può fare coppia con una laterale da 37 litri. 

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >