SHARK SPARTAN RS CARBON THE RIDE SPIRIT

La grande novità Shark Helmets per il 2022 – ultimo arrivato nella famiglia Spartan – è stata lo SPARTAN RS, il primo casco omologato ECE 22-06 della Casa francese.
Ora dai rivenditori Shark è disponibile anche nella ricercata versione Carbon. Oltre ad aver superato brillantemente le sfidanti richieste della nuova normativa ed essere uno dei caschi più sicuri sul mercato, lo Spartan RS nel modello in carbonio si conferma come vero must have della stagione, anche per il suo lato estetico caratterizzato dalla finitura in carbonio a vista.
Gli interni in eco-pelle traforata si combinano perfettamente con l’elegante grafica total black, conferendo così anche un tocco neo-retrò a questo agguerrito casco di nuova generazione.
Dedicato a chi vuole imporre il proprio stile, il design attinge ai codici estetici delle muscle car e muscle bike, per offrire al motociclista un look iconico e deciso.
MASSIME PRESTAZIONI DI SICUREZZA
Superando con successo i nuovi standard di sicurezza ECE 22-06, lo Spartan RS Carbon è il primo modello SHARK di questa nuova generazione di caschi che utilizza la Carbon Skin Shark.
La combinazione fra la calotta esterna in fibre composite multiassiali e carbonio e l’EPS multi-densità interno assicura il più alto livello di protezione, confermando quanto la sicurezza del motociclista sia al centro dello sviluppo di ogni casco Shark-
Helmets.
La visiera ultraresistente e ad alto spessore offre un livello di sicurezza supplementare, grazie al suo sistema di chiusura con 4 punti di ancoraggio,
direttamente ispirato al casco racing di Shark, il Race-R Pro GP.

QUALITÀ OTTICA AI MASSIMI LIVELLI
La visiera ultra-performante VZ 300 dello SPARTAN RS Carbon, già adottata dallo SPARTAN GT, è in grado di offrire una qualità ottica unica, ed è stata sviluppata per ottenere la classe ottica 1 grazie al suo spessore variabile; in questo modo si evita qualsiasi distorsione visiva a qualunque angolo di visuale.
La visiera parasole interna è omologata UV380 e offre un’ergonomia ottimizzata, con un sistema di regolazione che ne permette un posizionamento preciso a seconda delle esigenze del pilota.
Nella confezione è inoltre inclusa una lente Pinlock 120 Max Vision®, il sistema anti appannamento più efficace presente sul mercato.
PROFILO AERODINAMICO
In termini di aerodinamica, lo Spartan RS Carbon è stato disegnato con un occhio di riguardo per il contenimento dell’effetto “buffeting” e della rumorosità a medie e alte velocità. Nascono da questo sviluppo la linea raccordata del casco e la perfetta gestione dei flussi d’aria in corsa.
COMFORT OTTIMALE
Oltre alla sicurezza lo SPARTAN RS Carbon offre comodità, proponendo interni in tessuto “ALVEOTECH” garantiti SANITIZED® per assicurare un’efficacia
antimicrobica, anti-odore e antisudore. Tutti i tessuti interni sono smontabili e lavabili in lavatrice a 30°C. Le imbottiture garantiscono un comfort ottimale e
contribuiscono a isolare dai rumori. Infine, anche questo casco Shark beneficia del sistema “Easyfit” che offre tanta praticità e comodità anche a chi indossa gli occhiali.
SISTEMA DI AERAZIONE
Il sistema di aerazione offre un apporto d’aria fresca incredibilmente efficace. I diffusori inferiori guidano l’aria verso l’interno del casco, mentre il
sistema di aerazione superiore convoglia l’aria fresca nei canali dedicati alla parte superiore della testa. L’estrazione dell’aria calda è assicurata dallo spoiler posteriore e dalle sue griglie che massimizzano l’effetto Venturi. Il sistema d’areazione è completato dalla posizione “soffio d’aria” della visiera che facilita il disappannamento veloce della stessa quando le condizioni atmosferiche lo richiedono.

HIGHLIGHTS
TIPO DI CASCO
– Casco integrale uso Roadster
STRUTTURA E SICUREZZA
– Spartan RS Carbon: calotta in fibre composite multiassiali e carbonio
– 2 taglie di calotta, per un adattamento morfologico ottimale
– Fibbia “doppia D”
– EPS (Expanded polystyrene) multi-densità
VISIERA
– Visiera di classe ottica 1 senza alcuna distorsione
– Trattamento antigraffio
– Sistema a 4 punti di ancoraggio, ispirato al Race R Pro GP
– Pinlock 120 Max Vision® fornito insieme al casco
– Sistema a cremagliera dentellata per un posizionamento più preciso
– 6 diversi colori di visiera disponibili
– Visierino parasole: UV380
INTERNI
– Alveotech” tessile con omologazione Sanitized®
– Lato interno smontabile e lavabile in lavatrice (massimo 30 °C)
– Sottogola anti-turbolenza amovibile
– Sistema EasyFit: comfort ottimale per chi porta gli occhiali
– Compatibile con Sharktooth® Prime
AERAZIONE
– Aerazione: 3 ingressi d’aria / 4 estrattori d’aria
TAGLIE
– Taglie da XS a XXL
GARANZIA
– 5 anni
PREZZO
– A partire da 436,99 €
GRAFICHE
– 7 grafiche differenti

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >