RENATO ZOCCHI SU HONDA CB500X VINCE LA ALPS TOURIST TROPHY INTERNATIONAL

A ridosso della partenza della prima edizione della Alps Tourist Trophy International, annunciavamo la nuova sfida di Honda Motor Europe Ltd. Italia in collaborazione con Renato Zocchi. Giusto il tempo di percorrere le 5 tappe e i 1500 km della impegnativa  manifestazione adventouring – proposta con successo dalla Moto Raid Experience – che siamo a festeggiare la vittoria! L’esperto pilota lombardo e la piccola ma agguerritissima CB500X hanno conquistato il primo posto sia nella classe di appartenenza, quella delle moto “turistiche”, sia nella classifica assoluta, primeggiando anche sui partecipanti in sella alle moto della classe “specialistiche”.

La collaborazione tra Honda Motor Europe Ltd. Italia e Renato Zocchi non è una novità. Iniziata nel 2017 in sella alla CRF 250 Rally, è proseguita nel 2018 culminando nel 2019 con la vittoria nella classe 2 alla Gibraltar Race, in sella al maxiscooter Honda X-ADV, del quale Zocchi ha seguito anche lo sviluppo tecnico di adattamento al fuoristrada competitivo.

Con la CB500X la strategia è stata la stessa: fronteggiare vere moto da enduro con un’altra moto apparentemente non adatta al fuoristrada impegnativo. La crossover bicilindrica per patente A2 in configurazione di serie è perfetta anche sugli sterrati, ma con l’obiettivo di affrontare un lungo raid è stato realizzato un set-up adatto. Così Zocchi, insieme ai suoi partner tecnici, ne ha seguito la trasformazione per l’utilizzo nel fuoristrada impegnativo con lo scopo di testarla e portarla al traguardo nei più importanti eventi adventouring internazionali. Obiettivo raggiunto! La CB500X, nelle sue esperte mani, ha vinto al debutto!

È stato un risultato impensabile alla vigilia – è il commento di Renato Zocchi a caldo – andato oltre le più rosee aspettative. Abbiamo adattato la piccola Honda CB500X all’uso fuoristrada in previsione della partecipazione alla Gibraltar Race, pensando a percorsi veloci con difficoltà di terreno medie, ma mi sono trovato invece a guidarla su mulattiere e terreni prevalentemente rocciosi con sassi smossi. Come se non bastasse, le forti piogge della 4a tappa hanno reso le ultime 2 tappe insidiosissime, con rocce scivolose e lunghi tratti di fango. Ho lottato fino all’ultima tappa non solo con le classiche  “endurone” ma anche con moto specialistiche da enduro e contro piloti forti come Bob Corse, vincitore della Gibraltarrace 2019 e Mirko Bettini, esperto rallysta e 4° alla Gibraltarrace 2019. 

Il successo è arrivato a coronamento del mio impegno e delle qualità di una moto che ha dimostrato un’affidabilità tipica delle Honda, mentre la mia esperienza di navigazione e di guida mi hanno permesso di non commettere errori di navigazione e di  guidare  costantemente al limite mio e della motocicletta.

Un grazie alle aziende sponsor che mi hanno sviluppato nello sviluppo della moto e ad Honda che mi affida delle moto che mi portano sempre fino al traguardo.


Da parte di Honda Motor Europe Ltd. Italia vanno le congratulazioni a Renato Zocchi per lo sperato ma inatteso successo all’avvio di questa grande stagione di … adventouring!

Comunicato stampa: Honda Motor Europe Ltd. – Italia

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >