MOTOAIRBAG® – LA PROTEZIONE IN MOTO PRIMA DI TUTTO

Un brevetto tutto italiano per una scelta responsabile di sicurezza in moto

MOTOAIRBAG® è l’innovativo sistema airbag Made in Italy da indossare sopra la giacca per andare in moto che, in caso di incidente, si attiva automaticamente proteggendo efficacemente le zone del corpo più importanti, oggi perfezionato per offrire ai motociclisti la migliore tecnologia per il più alto livello di sicurezza.

Il sistema di riconoscimento è volutamente meccanico per conservare il massimo dell’affidabilità nel riconoscere le situazioni di emergenza e attivare l’airbag: un cavo fisico misura costantemente la distanza tra il pilota e la moto e, non appena il motociclista si muove in maniera anomala per effetto di un incidente, il cavo viene automaticamente tirato fino a slacciarsi dall’airbag, che si attiva. L’affidabilità dei sistemi tecnologici meccanici è ancora, ad oggi, impareggiabile. Il sistema di riconoscimento meccanico, inoltre, non dipende da batterie (che dovrebbero sempre essere mantenute cariche), è sempre attivo e non è compromesso da situazioni ambientali critiche come ad esempio umidità e pioggia.

Diversamente da quanto succede in macchina, i traumi in moto dipendono più da dove si va ad impattare che dalla velocità a cui avviene l’incidente; accade quindi che anche i più banali incidenti in moto abbiano conseguenze incredibilmente gravi e viceversa. Per questo motivo, MOTOAIRBAG® è stato progettato per aprirsi in ogni situazione di potenziale pericolo. Se, come nella maggior parte delle volte, avviene l’impatto, il motociclista potrà godere della grande protezione dell’airbag. Nei rari e fortunati casi in cui l’incidente si risolve senza impatto, il motociclista può procedere in maniera autonoma al ripristino di MOTOAIRBAG® sostituendo le cartucce con poche decine di euro dopo aver effettuato una check list.

Il gilet viene indossato sopra la giacca, e non internamente, per permettere ai 25 litri di airbag di aprirsi completamente e offrire il massimo della protezione, che è da 12 a 23 volte superiore di un classico protettore rigido.

Tutti i nuovi modelli MAB v3.0 e MAB v2.0 Plus sono dotati di una importante evoluzione: il FAST LOCK che, come un arrotolatore della cintura di sicurezza, mantiene il cavo sempre in tensione, ma libero di scorrere. In caso di incidente il FAST LOCK blocca il naturale scorrimento del cavo e attiva l’airbag. FAST LOCK è dotato di accelerometro analogico a Instabilità Euleriana (Brevetto MOTOAIRBAG®) che riconosce la situazione di pericolo di impatti a 360° e impiega meno di 5 millesimi per dare il comando all’airbag per attivarsi.

In posizione di riposo, FAST LOCK riavvolge completamente il cavo evitando intralci al motociclista. FAST LOCK è disponibile anche per i già clienti MOTOAIRBAG®, che possono aggiornare il proprio modello contattando direttamente il servizio di assistenza dal sito.

I crash test effettuati per il collaudo definitivo del prodotto hanno evidenziato che il FAST LOCK riconosce la situazione di emergenza non appena l‘utente si muove sulla sella per meno di 3 cm, ma solo in occasione di una condizione di impatto.

Per quanto istantaneo, un incidente in realtà è un insieme di sequenze misurabili in millisecondi. Secondo la DEKRA (Germany), il primo impatto del motociclista avviene in media dopo 150 millisecondi. In considerazione di questo dato, MOTOAIRBAG® garantisce la massima protezione in quanto:

  • Si gonfia in 80/85 millisecondi e risulta completamente attivo prima dell’impatto;
  • Rimane protettivo per almeno 30” per proteggere il motociclista anche dai successivi impatti che possono verificarsi;
  • Successivamente si sgonfia automaticamente per permettere ai soccorsi di intervenire correttamente.

MOTOAIRBAG® è dotato all’interno di due airbag sincronizzati, uno anteriore da 10 litri a protezione del torace e addome e uno posteriore da 15 litri per la protezione della cervicale, della schiena a tutta larghezza e del coccige. Il congegno di sincronizzazione attiva sempre entrambi gli airbag e anticipa l’attivazione dell’airbag che deve intervenire per primo in base al tipo di impatto. Per esempio, in caso di impatto frontale, si attiverà prima l’airbag anteriore, mentre in caso di impatti da tamponamento, si attiverà prima l’airbag posteriore.

Il FAST LOCK permette al motociclista di compiere tutti i normali movimenti in moto senza alcun vincolo, quindi anche la guida in piedi, soprattutto nei fuoristrada.

MOTOAIRBAG® è dotato di un sistema per evitare attivazioni accidentali nel caso in cui il motociclista, ai primi utilizzi, si dovesse dimenticare di scollegare il cavo di attivazione prima di scendere: il cavo deve subire una trazione di 10-12 kg, sufficienti perché il motociclista si accorga di essere ancora agganciato. Dopo pochi utilizzi, si svilupperà lo stesso automatismo delle cinture di sicurezza della macchina: si sale e si collega, si scollega e si scende. In dotazione viene fornito anche un piccolo adesivo Bubble MOTOAIRBAG® da applicare al cruscotto.

MOTOAIRBAG® è dotato di parti elastiche a carico controllato, che durante l’attivazione si espandono e permettono alla persona di respirare, avere piena visuale, potersi muovere normalmente, come continuare a guidare, alzarsi da terra e potersi allontanare dalla situazione di pericolo, così come consentono le regolari operazioni di soccorso.

MOTOAIRBAG® è certificato come airbag per motociclisti secondo la EN1621/4:2013 “Motorcyclists’ protective clothing against mechanical impact-Part 4: Inflatable Motorcyclists’ protectors-Requirements and test methods”MOTOAIRBAG® ha superato tutti i severi test ai quali il dispositivo deve essere sottoposto per validarne l’efficacia e la protezione per i motociclisti e soddisfatto tutti i requisiti di sicurezza, ottenendo il massimo del riconoscimento: MOTOAIRBAG® ha ottenuto il Livello 2, registrando una forza residua all’impatto di soli 1,4 kN e 0,8kN (valore ottenuto senza l’utilizzo di protettori rigidi).

Il pittogramma

ne attesta il riconoscimento ufficiale.

I test di utilizzo di MOTOAIRBAG® non hanno mai fine. Diversi piloti e collaudatori professionisti utilizzano costantemente MOTOAIRBAG® sia per utilizzi urbani, sia in ambienti estremi. Lo scopo è verificare il comfort di utilizzo alle varie condizioni climatiche, la facilità di utilizzo e l’affidabilità nel tempo del sistema airbag. MOTOAIRBAG® attualmente ha superato un totale di 2.000.000 di km di test in tutti gli ambienti.

Spostarsi sulle due ruote è una passione, che oggi diventa anche una necessità, ma che espone i motociclisti a un rischio di incidente che statisticamente è ben superiore a quelli in auto. Continuare a viaggiare sulle due ruote in situazione di rischio oggi diventa inutile, perché esistono airbag per motociclisti come MOTOAIRBAG®: affidabile, incredibilmente protettivo, confortevole, certificato, riutilizzabile e semplice da usare.

Versioni MOTOAIRBAG®:
La protezione posteriore della colonna vertebrale, del collo e della zona sacrale è alla base di ogni prodotto MOTOAIRBAG®, ma per una protezione completa l’Azienda ha sviluppato le versioni top di gamma, MAB v2.0 Plus e MAB v3.0, che proteggono anche la zona frontale per una sicurezza totale. Infine, pensando alla sicurezza dei motociclisti di ogni età, la versione MAB vZero, regolato al minimo, può essere utilizzato anche dai bambini da 135 cm in su.
La tecnologia MOTOAIRBAG® è disponibile anche all’interno delle linee di abbigliamento di diversi Brand nella modalità “Powered by MOTOAIRBAG®

Rivolgendosi al servizio di Assistenza è sempre possibile aggiornare MOTOAIRBAG® alla versione più recente.

I nuovi prodotti MOTOAIRBAG® saranno disponibili dal 16 marzo.
Visita www.motoairbag.com, guarda i video sul funzionamento e trova il negozio più vicino per andare a provare 
MOTOAIRBAG®

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >