LEATT PRESENTA IL NUOVO TUTORE GINOCCHIO Z-FRAME

CAPE TOWN, South Africa  – Leatt, il marchio che ha inventato il famoso Leatt-Brace® amplia la gamma 2019 dei tutori per ginocchia con il nuovo Z-Frame.

Riproducendo la meccanica dell’articolazione del ginocchio, questo nuovo tutore devia o assorbe gli impatti in caso di necessità. Z-Frame è costituito da una struttura in fibre composite iniettate e da snodi molto sottili, caratteristiche che danno maggiore feeling con la moto durante la guida. 

Limitazione dell’iperestensione a 5°, 10° 15° e 20°, in modo da ridurre gli infortuni al legamento crociato anteriore.

Studiato per aiutare a disperdere l’energia, il tutore limita notevolmente gli infortuni al ginocchio ed è certificato CE sia come dispositivo medico, che come protezione agli urti.

Ingranaggio dello snodo estremamente robusto, progettato per resistere alla pressione e ai colpi durante la guida.

Certificato come dispositivo medico e realizzato per offrire una protezione agli impatti di altissimo livello, questo prodotto rappresenta la fusione tra tecnologia e prestazioni elevate a un prezzo estremamente competitivo.
Z-Frame è disponibile nelle misure da S a XL ad un prezzo al pubblico di € 299.00 al paio.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >