AFRICA ECO RACE 2019 8ª TAPPA

Vediamo come Simone Agazzi: ancora podio per Agazzi . Di Tappa e nella Generale.

Dopo la sorprendente vittoria nella settima Tappa, Simone Agazzi si è riproposto come protagonista di questa 11a edizione della Africa Eco Race concludendo l’ ottava In una convincente terza posizione dopo oltre 5 ore di gara nel deserto della Mauritania.

La Tappa odierna che ha portato I concorrenti da Chami al bivacco di Amodjar aveva una Prova Speciale lunga 445,12 km dove la navigazione era , come peraltro lo era stato anche nella giornata precedente , fondamentale nel fuoripista.

Simone questa volta partiva per primo avendo vinto la Tappa precedente e toccava lui, come accade normalmente in tutte le tappe dei Rally Africani , cercare la giusta traccia seguendo le Indicazioni del road-book. Oltre la metà della Speciale Agazzi veniva raggiunto dal leader della gara In forte recupero per Incrementare Il suo vantaggio In classifica e saggiamente, metteva da parte le ambizioni di bissare Il successo di Ieri risparmiando la sua Honda CRF 450 Rally RS Moto Limited Edition, ma chiudendo la frazione ancora una volta In 3a posizione guadagnando oltre 10 minuti sul diretto rivale per Il podio finale.

Domani 9a Tappa Amodjar / Amodjar di 482,82 km con al suo Interno la Speciale cronometrata Oued / Chinguetti di 374,37 km già proposta nella scorsa edizione ma percorsa questa volta in direzione opposta che regalerà ulteriori emozioni ai piloti nel loro cammino verso l’ambito traguardo finale che si avvicina ogni giorno di più.

Ottimo lavoro Simone .

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >