KAPPA CASCO KV39 ARMY IL MIMETICO CHE AMA METTERSI IN MOSTRA!

Per i neo amanti del tassello, KAPPA ha pronta la linea ARMY del casco cross/enduro KV39. Le sue tre nuove versioni grafiche troveranno senza dubbio il favore degli “stilosissimi” frequentatori di piste e sterrati. ARMY riprende il motivo mimetico delle uniformi militari e si offre al pubblico a un prezzo assolutamente accattivante.

KAPPA ha mosso i primi passi nel vivace mondo dell’offroad con il casco KV30 Enduro, per poi lanciare di lì a poco il KV39, modello senza visiera caratterizzato da linee filanti e colorazioni audaci, oggi ulteriormente personalizzato dall’arrivo di ARMY, la versione alla quale dedichiamo questo approfondimento.

Se c’è un segmento dove l’estetica a tinte forti, per l’abbigliamento del pilota e le sovrastrutture della moto, rappresenta un leitmotiv… quello è il Cross.
Qui le tonalità sature e vivaci, nonché sempre perfettamente abbinate, sono le benvenute.
Da questo punto di vista KV39 ARMY rientra perfettamente nei canoni: la sua calotta, con pennellate fluo, contrasti cromatici e “frammenti” grafici camouflage, oltre a ispirarsi al mondo militare, ormai da tempo fonte inesauribile di spunti per tutti i designer di moda, si adatta alla perfezione all’ambiente naturale caratteristico di quasi tutti i percorsi fuoristradistici.

La grande attenzione alla grafica si sposa con le caratteristiche tecniche, legate al comfort di guida e alla protezione, temi di essenziale importanza specialmente per le discipline off-road.

KV39 ARMY offre innanzitutto un’apertura frontale ampia, che facilita l’utilizzo di maschere/occhialoni e non intralcia la visuale.
Gli interni, in tessuto anallergico, sono totalmente removibili e lavabili; il sistema di aerazione è ben dimensionato e presenta tre prese anteriori (una sulla mentoniera + due frontali) e un estrattore posteriore.
La dotazione di serie supera lo standard di un casco entry level arrivando a comprendere paranaso e frontino regolabile e staccabile, mentre la chiusura è con cinturino dotato di doppio anello a “D”.

KV39 ARMY è disponibile in una gamma taglie che va dalla XS alla XXL e in 3 varianti colore.
 

Prezzo al pubblico: 105,00 euro
 

La scheda tecnica – Peso: 1.370 ± 50 gr. Calotta: in tecnopolimero. Interno: in tessuto anallergico, totalmente removibile. Chiusura: cinturino con sgancio doppio “D-ring”Omologazione: integrale. Sistema di aerazione: due prese d’aria superiori, una collocata sulla mentoniera, un estrattore. Altre caratteristiche: paranaso; frontino regolabile. Taglie: dalla XS alla XXL. Colorazioni: grafica ARMY: matt black/yellow; glossy blue/yellow; glossy red/white. Le altre versioni del KV39 – REVERSE: Yellow/Blue/Orange/Black. Grafica. BASIC: Matt Black/Fluo Yellow; Matt Black/Fluo Orange; Glossy White/Matt Black.

Comunicazione stampa: KAPPA

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >