Inspiring Adventure

La nuova proposta punta a un utilizzo “senza confini”. Ne fanno parte uno zaino/borsa da serbatoio, una coppia di laterali e un borsello multiuso, tutti votati sia alla praticità, grazie a sistemi modulari e facilità di utilizzo, sia alla sostanza, con tessuti di qualità e finiture accurate.
La linea non è riconducibile ad un segmento motociclistico specifico e si adatta alle esigenze della città e del viaggio.

Kappa torna a percorrere la strada delle linee “morbide” evolute senza legarsi a precisi stilemi motociclistici ma con l’ambizione di “ispirare l’avventura”.
Inseriti nella grande famiglia “Racer Range” i tre modelli che andiamo a descrivervi offrono un supporto al motociclista che va ben oltre il nome che li identifica. Insieme possono accompagnare con stile gli spostamenti in sella a scrambler, naked, custom, crossover… offrendo una capacità di carico modulabile, per le esigenze cittadine, i weekend e i viaggi a breve raggio.
 
Il set è costituito da uno zaino/borsa da serbatoio, una coppia di laterali e un borsello. Ad accomunarle concorrono i materiali, la presenza di zip waterproof e di fodera interna dotata di cuciture sigillate che ne garantiscono l’impermeabilità (niente copertine antipioggia insomma).
Costruite in poliestere resistente ai raggi UV le tre borse sono ulteriormente provviste di elementi riflettenti per accrescere la vostra visibilità sulla strada.
Due le colorazioni disponibili: grigio e nero.

ZAINO/BORSA DA SERBATOIO RA315 / RA315BK– la forma ne favorisce l’utilizzo come zaino… ma anche come tank bag se la cava bene. Il suo fissaggio al veicolo è universale e prevede 4 magneti + 4 cinghie regolabili (che ne permettono il posizionamento sulla sella posteriore). La borsa si chiude tramite roll top, che regola in modo modulare il volume interno, e può ospitare utilizzando l’aggancio con sistema M.O.L.L.E. il borsello RA317. La trasformazione in zaino si ottiene liberando gli spallacci nascosti sotto il lato rinforzato e imbottito. Tasche e scomparti caratterizzano l’interno e l’esterno. C’è il porta casco estraibile, la tasca frontale trasparente porta smartphone, la maniglia per il trasporto e un set di cinghie, regolabili sui lati e sulla base, per estensione ed aggancio accessori. Prezzo al pubblico: 134 euro.

BORSE LATERALI RA316 / RA316BK – sono universalmente utilizzabili (volendo anche sullo scooterone) grazie alle doppie cinghie con velcro da fissare sotto la sella. Dispongono di chiusura di tipo roll top che modula il volume. Ulteriori cinghie, presenti sui lati, base e frontale consentono di regolare l’estensione e l’aggancio di accessori. Anche sulle laterali è prevista la tasca frontale per smartphone/tablet. La maniglia ne facilita il trasporto una volta staccate dal veicolo.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >