Due miti della Paris Dakar Bruno Birbes vs Aldo Winkler

Un’amicizia nata durante una Dakar di quelle vere, era la fine degli anni 80, un’amicizia che dura da oltre 30 anni accomunata da una passione irreversibile, la moto!
Bruno Birbes e Aldo Winkler si raccontano in un faccia a faccia e ci fanno scoprire aneddoti e storie mai ascoltate prima.
Oggi come allora l’Africa resta la meta prediletta, non come turisti e nemmeno come piloti con velleità di risultato, ma il darsi appuntamento ad una prossima edizione della Africa Eco Race la dice lunga sulla tempra di questi due campioni.

Domande:

1) Nome e cognome
2) Età
3) Quanti te ne senti?
4) Merito della moto o di altro?
5) Quante Dakar?
6) Tutte in moto?
7) Miglior piazzamento?
8) Ti è mai interessato del risultato?
9) Come ti descrivono gli amici?
10) E come ti descrivono i nemici?
11) Il tuo aneddoto preferito legato alle tue Dakar?
12) Un aneddoto invece che riguarda l’altro?
13) Cosa manca alla Dakar di oggi?
14) Cosa ha in più delle vostre?
15) Oggi meglio Dakar o Africa Eco Race?
16) Hai ancora le moto delle tue Dakar?
17) Quale è stata la tua preferita?
18) Ce l’hai ancora? Guarda che veniamo a trovarti per fare un articolo!
19) Salutatevi nel vostro dialetto

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >