24MX

Aprilia regina del deserto

IL BINIOMIO TUTTO ITALIANO, JACOPO CERUTTI E APRILIA TUAREG, TRIONFA AL SUO ESORDIO NEL DESERTO, NELLA AFRICA ECO RACE 2024

SEMPRE IN TESTA ALLA CLASSIFICA DAL PRIMO ALL’ULTIMO DI OLTRE 6000 CHILOMETRI, LA OFFROAD ITALIANA SI DIMOSTRA UN PROGETTO VINCENTE

FRANCESCO MONTANARI, ROOKIE ASSOLUTO, PORTA LA SUA TUAREG A DAKAR, È DUE VOLTE SUL PODIO DELLE SPECIALI E CHIUDE CON UNA GRANDIOSA TOP TEN LA SUA PRIMA ESPERIENZA AFRICANA

MASSIMO RIVOLA: “DOMINARE ALL’ESORDIO, UN’IMPRESA MAI RIUSCITA A NESSUNO”

Il duo tutto italiano è rimasto in testa dal primo all’ultimo degli oltre seimila chilometri, su strade, piste battute, sabbia e dune mozzafiato. Da Monaco al magico lago rosa di Dakar, Jacopo Cerutti e la sua Aprilia Tuareg hanno scelto il modo più esaltante per vincere l’edizione 2024 della Africa Eco Race, dominando e scrivendo una delle pagine più epiche nella storia recente dei grandi raid africani.

La coppia italiana è partita da esordiente, avendo di fronte avversari fortissimi e, soprattutto, estremamente esperti del leggendario percorso che dall’Europa porta a Dakar attraverso Marocco e Mauritania.
La Aprilia Tuareg, sviluppata dal prodotto di serie da Aprilia Racing con la collaborazione tecnica di GCorse dei fratelli Guareschi, affrontava per la prima volta le piste africane e il deserto. Certo, nel corso del 2023 la moto aveva dato grandi prove di sé vincendo, sempre all’esordio, il titolo italiano nel Motorally e conquistando uno strepitoso podio nel rally Transanatolia in Turchia, al primo assaggio di grande raid. Ma affrontare il deserto africano per la prima volta, su un percorso che ha fatto la storia dell’offroad, si annunciava ben più difficile.

I piloti Aprilia, Jacopo Cerutti e Francesco Montanari, hanno approcciato la gara con sicurezza sin dalla partenza, forti di una moto che si è rivelata un’arma formidabile grazie alla bontà del progetto originale. 
La vittoria nelle prove speciali delle prime due giornate ha permesso a Cerutti di accumulare e poi gestire il vantaggio contro avversari fortissimi come Botturi e Tarres, entrambi su Yamaha, che hanno costantemente attaccato, alla ricerca della rimonta. 
Velocità, perfetta strategia e affidabilità della Tuareg sono i valori che hanno portato Aprilia e Cerutti al trionfo di Dakar.
Per Francesco Montanari, esordiente assoluto, il traguardo di Dakar era il risultato più bello. A questo ha aggiunto due podi di tappa, una presenza costante nelle zone alte delle classifiche delle speciali e un grandioso ottavo posto finale.

Massimo Rivola – AD Aprilia Racing
“Quello che Jacopo ha fatto, vincendo a Dakar, non ha precedenti. È una vera, enorme impresa sportiva che esalta un grande campione, una eccezionale moto italiana, progettata, sviluppata e prodotta qui a Noale e un lavoro incredibile fatto da Aprilia Racing e dai Guareschi, ai quali va un mio speciale ringraziamento. Aver comandato fin dal primo giorno una delle gare più difficili che ci siano al mondo, di fronte ad avversari fortissimi è uno straordinario segnale di forza che è andato al di là di ogni nostra aspettativa”.

Vittoriano Guareschi – GCorse
“Fantastico! Jacopo è stato eccezionale per tutta la gara, sempre dettando il ritmo. La seconda tappa è stata la chiave, con quello strappo in classifica che poi gli ha permesso di gestire da grande campione. Grande anche Francesco che al debutto ha portato la moto a Dakar togliendosi più di una soddisfazione nelle speciali. Quello che ha fatto tutto il team è incredibile, era la nostra prima esperienza contro avversari fortissimi, come il team Yamaha, che hanno grande esperienza, specie sulla parte di deserto in Mauritania.
La moto è stata perfetta, mai un problema, con questo trionfo il progetto Tuareg ha mostrato tutte le sue qualità di base: bilanciamento dei pesi, escursione delle sospensioni, carattere del motore, qualità dei materiali. La moto di serie è già un punto di riferimento”.

Jacopo Cerutti
“È tutto bellissimo, per me è stato un onore poter collaborare allo sviluppo della moto con Aprilia Racing e GCorse. In poco tempo abbiamo raggiunto traguardi incredibili e onestamente non pensavo che saremmo riusciti ad arrivare così pronti a questo appuntamento. Sapevo però che la Tuareg di serie ci forniva già un’ottima base di partenza, poi il resto lo ha fatto il grande lavoro compiuto da tutto il team in questi mesi. Non mi aspettavo certo di vincere, forse partire senza la pressione di essere i favoriti è stato un bene e siamo stati aiutati anche da un pizzico di fortuna, che non guasta mai, perché in un raid africano l’imprevisto è sempre dietro l’angolo e invece è sempre filato tutto liscio. Un’esperienza e un’emozione fantastica, ora possiamo goderci i festeggiamenti”.

Francesco Montanari
“Sono felicissimo di essere arrivato a Dakar e di essere riuscito a migliorare tappa dopo tappa, riuscendo a piazzarmi nelle prime posizioni in diverse occasioni. Tutto ciò è stato possibile perché sono stato messo nelle condizioni ideali per esprimere il mio potenziale: la moto è fantastica da guidare e tutto il team ha svolto un lavoro eccezionale, sia nella preparazione della gara sia in queste due settimane in Africa. Desidero perciò ringraziare Aprilia per questa opportunità e tutti i componenti del team GCorse per il continuo supporto. Sono ovviamente contento anche per la bellissima vittoria di Jacopo, è stato bravissimo e se lo merita. Spero che per me questo possa essere un punto di partenza, voglio continuare a migliorarmi perché penso di aver dimostrato di potermela giocare con i migliori”.

Aprilia Racing, una leggenda nata con l’off road
Le competizioni off road sono state il terreno di esordio di Aprilia nelle competizioni. Niente di strano per un brand che, fin dai primi modelli anni ’70 come lo Scarabeo, aveva rivelato la sua anima votata al fuoristrada. Nel 1974 la prima moto da gara di Noale è una cross 125. Già nel 1977 arrivano i primi titoli italiani nelle classi 125 e 250. Nel 1978 i primi podi e la ribalta del Campionato del Mondo Cross.
Nel 1985 inizia per Aprilia Racing l’avventura nella velocità col Motomondiale, ma il primo titolo iridato arriva dal trial nel 1992. Dal mondo del fuoristrada arriveranno altri sette titoli mondiali, dal 2004 al 2011 le bicilindriche SXV 450 e 550 sono protagoniste del Campionato Supermoto conquistando tre titoli Piloti e quattro Costruttori.
Dopo una prima epica apparizione alla Paris-Dakar con Tuareg nel 1989, Aprilia torna alla grande gara nel deserto nel 2010 con la rivoluzionaria bicilindrica RXV Rally 450 che partecipa a tre edizioni consecutive della Dakar, fino al 2012. La spettacolare Rally conquista subito tre vittorie di tappa e il terzo posto assoluto nel 2010, sfiorando la clamorosa impresa del trionfo all’esordio.
Ancora oggi Aprilia è l’ultima casa italiana ad aver vinto una tappa alla Dakar, nel 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

1000 Sassi 2024

1000 SASSI 2024 – Divertimento per tutti!

Partiamo dal presentare ai pochi che ancora non la conoscessero, cosa è la 1000 Sassi. Un evento di moto turismo adventuring su sterrate belle e panoramiche, con un basso grado di difficoltà e quindi affrontabile senza particolare impegno anche da neofiti di offroad. Un aspetto non di poco conto. Eventi disseminati per il territorio italiano ne vengono organizzati molti, ma spesso richiedono già una buona esperienza di guida in fuoristrada.

Leggi di più >
Insta 360 GO3s

Ti presentiamo Insta360 GO 3S, la videocamera pronta a catturare ogni momento in 4K

Insta360 è fiera di annunciare al mondo intero l’arrivo di una nuova videocamera della serie GO: Insta360 GO 3S. Questa videocamera dalle dimensioni di un pollice riporta la forma e le dimensioni della sua versione precedente, ma offre diversi aggiornamenti chiave, in particolare la straordinaria risoluzione video in 4K. Tra gli altri aggiornamenti, troviamo la modalità Video a Intervalli per riprese a mani libere, la compatibilità con Apple Find My per localizzare velocemente la videocamera, l’impermeabilità fino a 10 m di profondità, accessori migliorati e molto altro ancora.

Leggi di più >