ZAINO THULE ENROUTE ESCORT 2

Lo zaino Thule EnRoute Escort 2 da 27 L è adatto a mille usi, da casa all’ufficio, dalla gita al mare all’escursione in enduro. Le cinghie traspiranti, più quella sullo sterno sono tutte ampiamente regolabili in modo che lo zaino rimanga sempre aderente alla schiena, ma senza mai accaldarla grazie ai canali di flusso per l’aria.

Molte le tasche e divisioni al suo interno che offrono uno ampio spazio compresa una protezione SafeEdge per laptop MacBook Pro® da 15”/un PC da 15,6”,  più̀ un tablet. 

Lo scomparto rapido SafeZone per occhiali e apparecchiature fragili è dotato di una tasca elastica dedicata per trattenere al meglio il telefono cellulare o piccoli oggetti.

Nella parte inferiore dello zaino ci sono le cinghie inferiori esterne regolabili per ancorare un materassino da campeggio o telo mare.

C’è anche la predisposizione per l’inserimento della sacca d’acqua utile per un’ idratazione durante le escursioni in off-road adventure travel o la gita al mare in montagna.

Distribuito in Italia nel canale due ruote da Alpa Distribution.com è in vendita al pubblico ad un prezzo consigliato di € 129,99.
Misure: 31 x 35 x 45 cm.
Accessorio venduto a parte la Thule Rain Cover 15-30L utile in caso di forte pioggia al prezzo di €20,50 

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >