Volterra – Follonica 2021. Mari e monti

Il territorio toscano è un teatro naturale per l’enduro, complici una varietà immensa di terreni fatti di montagne impervie o lunghe pianure, fino ai laghi ed il bellissimo mare.

La Volterra – Follonica è una “classica” dell’enduro, unica nel suo genere perché unisce, in un sol percorso, una serie di passaggi e territori che partono dalle colline dell’entroterra senese, fino alle coste del grossetano, percorrendo gran parte di quei paesaggi tipici della Toscana!

È una manifestazione che ha una lunga e importante storia, iniziata nel lontano 1985 come “Siena – Follonica”,  poi trasformatasi in “Colle – Follonica” fino ad arrivare all’attuale “Volterra – Follonca”. Nel corso degli anni ha visto l’adesione di importanti personaggi del mondo off-road, soprattutto dei dakariani del calibro Di Edi Orioli o del mitico Fabrizio Meoni, che partecipavano a questa manifestazione per allenarsi in vista dei rally africani.

Le caratteristiche sono quelle di una tappa dakariana: partenza da un punto (Volterra) e arrivo ad un altro punto (Follonica).

L’inizio della nostra avventura parte subito con una piacevole sorpresa. All’arrivo nella bellissima piazza di Volterra, dove è allestito il paddock gremito di moto e quad, incontro la grande Silvia Giannetti, importante “personaggio” del mondo motorally, che ha concluso in carriera ben due Dakar e che ho la fortuna nonché l’onore di conoscere da tempo.

Mi propone di fare il percorso insieme a lei! Cosa chiedere di meglio se non avere il piacere di percorre un bel tratto di off road con chi di rally davvero se ne intende…

Espletate le operazioni preliminari e i saluti di rito, partiamo in direzione del primo waypoint a Pomarance. La traccia sul GPS è pronta: e allora via, si parte!

Lasciamo il borgo e dopo pochi km di asfalto inizia il primo tratto di sterro, che si snoda per un anello che circonda la zona di Volterra. È un itinerario molto semplice e scorrevole, adatta anche ai meno esperti, che comunque sa essere piacevole anche per i piloti più smaliziati.

La nostra traccia GPS ci porta per un percorso denominato “turistico” dedicato alle maxi enduro, mentre le enduro specialistiche e quad percorrevano un altro percorso denominato “sportivo”. I due percorsi si intersecano in alcuni passaggi con la possibilità di effettuare varianti hard anche per il bicilindrici.

Intervallato da tratti on-road (sinceramente forse un po’ troppo lunghi…) il percorso è rimasto pressoché invariato fino all’arrivo a Pomarance dove ci siamo fermati per il primo ristoro. Breve pausa, rifornimento e ripartenza.

La seconda parte è sicuramente iniziata con più “brio”!

Abbiamo da subito percorso una bellissima via di sottobosco e anche il fondo si è trasformato, presentando tratti di pietra, terra e comunque molto più guidato e tecnico. E così è stato fino alla fine, avendo attraversato diverse varietà di fondi e panorami sempre vari e bellissimi!

La traccia GPS, perfettamente delineata e precisissima, ci ha portati all’arrivo a Follonica nel primo pomeriggio, dove abbiamo scattato la foto di rito davanti al mare e ci siamo goduti un pranzo veloce.

Ho salutato l’amica Silvia Giannetti, eccellente compagna di viaggio e Mauro, che con il suo TT700 si è aggregato e ci siamo fatti compagnia per oltre metà del percorso, 230 km di goduria e divertimento!

Complimenti ai ragazzi dei moto club Pomarance e Moto club Follonica, che sono stati impeccabili nell’organizzazione di un evento per niente facile da gestire.

Appuntamento alla prossima edizione!

Testo: Edoardo Tommassini
Foto: Mauro Fanfani

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

TORNA IL CHALLENGE ENDURO HUSQVARNA UNDER 23/SENIOR 2024

Il prossimo 3 marzo, ad Arrone (TR), prenderà il via l’edizione 2024 del Campionato Italiano Enduro Under 23 & Senior. All’interno di questo importante contesto, Husqvarna Motorcycles organizza un esclusivo Challenge riservato a tutti coloro che competono in sella a un modello della gamma enduro Husqvarna TE o FE, con ranking superiore a 130.

Leggi di più >