TROFEO ENDURO HUSQVARNA:

L’EDIZIONE 2019 PARTE CON UN RECORD DI ISCRITTI, CHE VELEGGIANO VERSO I 200 PER LA PRIMA TAPPA NELL’OLTREPO PAVESE, IN UN PERCORSO STUPENDO PER PILOTI DI OGNI LIVELLO

Si avvicina la data del 14 aprile, l’attesissimo appuntamento con l’edizione 2019 del Trofeo Enduro Husqvarna. Gli appassionati del marchio hanno risposto splendidamente agli sforzi dell’organizzazione per rinnovare e rendere ancora più coinvolgente la formula, che conta quest’anno su un calendario privo di concomitanze con date dedicate.

Prima tappa in programma quella di Rivanazzano, organizzata dal M.C. Valle Staffora. Il giro, sulle splendide colline dell’Oltrepò pavese, misura circa 42 km e interessa oltre a Rivanazzano anche i comuni di Godiasco e Cecima. Al cuore del percorso, pianeggiante nella parte iniziale e finale, ci sarà uno stupendo tratto guidato tra i boschi. Due le prove speciali per giro: una in linea e una in fettucciato: la linea misura circa 5 km (durata media tra i 5 e i 6 minuti), mentre il fettucciato è lungo circa 4 km. Previsto un C.O. alla partenza.

Ricordiamo la nuova articolazione del Trofeo, con le classi divise per cilindrata (125, 250 2T, 300, 250 4T, 450) come da nomenclatura FMI a livello nazionale, oltre alla confermata TOP CLASS per i piloti con ranking tra 0 e 110. Nuovi anche i premi speciali per le categorie Under 21, Over 40, Over 45, Over 50, Over 55 e le classi aggiuntive LADY (riservata alle donne), DUAL SPORT (per moto Husqvarna 701 ENDURO), IRON (nati dal ’60 al ’68), SUPER IRON (nati prima del ‘59), REVIVAL (moto immatricolate dal 1982 al 1990) e VINTAGE (moto iscritte al registro storico).

Agli iscritti al Trofeo Enduro Husqvarna è inoltre riservato un “Welcome Kit” mai così ricco, grazie all’arrivo di nuovi sponsor e a un ulteriore investimento da parte di Husqvarna Motorcycles Italia. Tra le novità principali, il kit grafiche completo Blackbird Racing e un set di abbigliamento della linea Husqvarna composto da pantaloni e guanti Gotland, occhiali Accuri e giubbino Trofeo 2019 SIX2, che vanno ad aggiungersi alla tradizionale maglia gara. Il kit comprende poi un set lubrificanti Motorex, un set cinghie Clacson, un tappeto spogliatoio Hurly, un coprisella Selle Dalla Valle, una coppia manopole gara Ariete e un filtro aria Twin Air, un gadget Cellular Line e uno Innteck.

Confermati il Challenge Michelin per chi correrà con gli pneumatici della casa transalpina e il ricchissimo montepremi finale.

Tra le nuove iniziative previste per questa edizione del Trofeo, segnaliamo la postazione WP Suspension, curata dal Centro Autorizzato WP Moto Di Guida, che ad ogni tappa sarà a disposizione di tutti i partecipanti per un set up delle sospensioni WP. I tecnici specializzati saranno inoltre disponibili per rispondere su quesiti tecnici.

Alla gara di Rivanazzano Terme ci sarà poi un corner della concessionaria Osellini di Piacenza, con esposizione di moto della gamma Husqvarna 2019; nella giornata di sabato sarà possibile provare le nuove stradali VITPILEN e SVARTPILEN (per info e prenotazioni www.husqvarna-motorcycles-testride.it).

È possibile iscriversi al Trofeo fino al 31 marzo 2019 sul sito dedicato trofeoendurohusqvarna.com, che riporta anche il Regolamento Particolare e un elenco di strutture ricettive della zona. Fino a lunedì 8 aprile sarà poi possibile iscriversi come wild card attraverso Sigma, il portale della FMI.

L’appuntamento per tutti è quindi a Rivanazzano (PV): l’area hospitality Husqvarna sarà ubicata nella centrale Piazza Cornaggia, mentre nelle immediate vicinanze ci sarà la zona destinata ai paddock e al parco chiuso. Operazioni preliminari previste sabato 13 aprile dalle 10 alle 12 e dalle 13 alle 17, mentre la gara partirà domenica 14 alle ore 9:00 dal centro del paese (di fronte all’ufficio postale).

Vi aspettiamo!

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >