Tommaso Telaro nominato general manager di KTM Sportmotorcycle Italia

KTM Sportmotorcycle GmbH annuncia la riorganizzazione della sua filiale italiana; con effetto immediato, Tommaso Telaro è nominato General Manager di KTM Italia.

Telaro vanta un’esperienza ventennale nell’industria auto e motociclistica. Dal 2011 è al servizio di KTM Italia, dove ha ricoperto nel tempo diverse funzioni manageriali. “Sono entusiasta e desideroso di aprire questo nuovo capitolo nella mia carriera con KTM. Voglio ringraziare Angelo Crippa per gli anni di lavoro passati insieme” ha commentato Telaro. “La nuova organizzazione darà ulteriore spinta al nostro Marchio”.

Angelo Crippa ha deciso di lasciare la sua posizione: “a questo punto della mia carriera ho deciso di intraprendere una nuova sfida professionale. La mia passione per KTM rimane forte e sincera, per questo resterò nell’ambiente vicino a un marchio a me così caro. Ho lavorato per anni a stretto contatto con Tommaso Telaro e sono certo che saprà garantire la crescita e il successo dell’azienda.”

La direzione di KTM Sportmotorcycle GmbH Austria accoglie con entusiasmo il passaggio di Tommaso Telaro alla posizione di General Manager, per dare continuità al successo della strategia aziendale in Italia e ringrazia Angelo Crippa per i suoi 20 anni di lavoro e dedizione all’azienda.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >