SW-MOTECH BORSA POSTERIORE PRO REARBAG 22/34 LT – BORSA POSTERIORE PRO ROADPACK 8/14 LT

Continuiamo a parlarvi delle borse Sw-Motech. Le borse universali posteriori ideali per ogni necessità di viaggio!
Oggi abbiamo testato per voi le due versatili borse posteriori della linea PRO, nella versione “piccola” Roadpack 8/14 lt e la più ampia Rearbag 22/34 lt.
Ambedue costruite con i classici ed elevati standard costruttivi della tedesca SW-Motech, le borse appaiono molto belle esteticamente, nella linea e nei colori. Con cuciture a scomparsa, perfettamente sagomate e costruite con tessuti “balistici” ad alta resistenza.

Sono ancorabili alla sella del passeggero di tutte le moto in produzione, siano esse maxi enduro, tourer o stradali. Un pratico sistema con velcri e cinghiette di fissaggio con sgancio rapido, brevetto esclusivo SW Motech, rendono le borse molto pratiche e veloci nel posizionamento e nella rimozione.
La “piccola” Roadpack 8/14 lt è dotata di una tasca inferiore su cui si inserisce la parte finale della sella, contribuendo a mantenerla stabile e perfettamente ancorata. 
Pratica per riporre piccoli oggetti, kit riparazione, attrezzi o documenti; può essere espansa fino ad una capienza di 14 litri. Ideale per i piccoli spostamenti urbani e per l’utilizzo quotidiano. 
La “grande” Rearbag 22/34 lt. ha le stesse caratteristiche della sorella minore, ma con una capienza ben più elevata. Permette di contenere il necessario per un viaggio, essendo espandibile fino a ben 34 lt, dotata di pratiche tasche laterali per riporre oggetti di piccole dimensioni. 
Può “ospitare” agevolmente un casco ed è dotata di un bellissimo “coperchio” in materiale plastico termo formato che funga da protezione da urti ed intemperie.
Sono corredate dal sistema MOLLE in materiale Hypalon sul lato superiore che consente il fissaggio di borse aggiuntive e custodie per smartphone o tablet. Installabili con il pratico sistema a sgancio rapido.
Ambedue dotate di serie di una membrana impermeabile e accomunate dal pratico sistema di ancoraggio, rappresentano un accessorio indispensabile per tutti i motociclisti, siano essi avventurieri, “chilometristi” o più semplicemente motociclisti “urbani”


Testo: Tommassini Edoardo

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >