Ritorna la campagna Yamaha Safe Ride

Yamaha rinnova l’attenzione alla sicurezza regalando un check-up gratuito ai suoi clienti per mantenere giovane il proprio mezzo.

Gerno di Lesmo, 12 ottobre 2018. Dal 15 ottobre Yamaha rilancia la campagna Safe Ride, un’iniziativa che conferma l’attenzione alla sicurezza e l’impegno verso chi possiede una moto o uno scooter tre diapason offrendo, per la stagione più fredda, la possibilità di effettuare un accurato controllo gratuito sullo stato delle principali componenti legate alla sicurezza del veicolo e di usufruire di condizioni speciali per l’acquisto e la sostituzione dei Ricambi Originali Yamaha.

Dopo il successo dello scorso anno, Safe Ride prolunga la sua durata sino al 31 marzo per arrivare pronti alla bella stagione, momento in cui si macinano più chilometri.

Il controllo costante del proprio mezzo consente di non perdere le emozioni, le sensazioni, il feeling di guida e le performance che regalano i mezzi nuovi. Oltre a garantire una maggiore sicurezza e affidabilità, mantenere giovane il proprio mezzo significa evitare possibili interventi futuri. Proprio per questo il check-up del veicolo include anche la diagnosi attiva degli apparati elettronici poiché l’elettronica delle moto/scooter moderni permette un monitoraggio costante dell’efficienza del mezzo ed è fondamentale anche verificare che non siano presenti codici errore (magari non attivi ma registrati in memoria) che potrebbero meritare approfondimenti.

La campagna è attiva in tutte le Concessionarie Ufficiali Yamaha aderenti all’iniziativa.

CONTROLLI GRATUITI SAFE RIDE:

• Diagnosi attiva apparati elettronici;

• Controllo pastiglie e liquido freni;

• Controllo dischi freno;

• Controllo tubazioni dei freni;

• Controllo sospensioni;

• Controllo pneumatici;

• Controllo cuscinetti sterzo, leveraggi e ruote.

Aderendo all’iniziativa Safe Ride si ha diritto a vantaggiose condizioni:

• Liquido freni e olio forcella gratuiti;

• Fino al 40% di sconto sugli pneumatici;

• 30% di sconto sulle tubazioni dei freni;

• 20% di sconto su cuscinetti, dischi,

pastiglie, ricambi sospensioni;

• 10% di sconto sulla manodopera.

Immagini ed informazioni media su:media.yamaha-motor.eu

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >