24MX

Prova Beta RR 430 2022. Divertente per tutti!

L’intera gamma Beta RR si era rinnovata con i modelli 2020 e già all’epoca avevamo espresso il nostro parere sulle 4T di cilindrata intermedia e cioè 390/430.

Erano state le cubature che più ci erano piaciute soprattutto a livello di motore, mantenendo una ciclistica comune. Con gli upgrade apportati ai modelli 2022, abbiamo testato la Beta RR 430, trovandola ancora più divertente e facile nella guida, ma soprattutto rimanendo sorpresi dalla sensazione di leggerezza e manovrabilità di questa moto.

Per tutta la gamma, gli ingegneri di Rignano sull’Arno hanno lavorato senza stravolgere l’ottimo prodotto sviluppato sin qui, mirando invece a piccoli importanti accorgimenti che migliorassero le prestazioni di ogni singola cilindrata, mettendo a punto l’enorme bagaglio di esperienza e risultati ottenuti nelle competizioni.

Come non sfruttare i consigli di Freeman, Holcombe o Walker che sono ai vertici dei rispettivi campionati?

Alcuni interventi sono comuni su tutta la gamma, come le grafiche completamente ridisegnate, dal tocco racing ma con un look più giovanile e filante. Le sospensioni si confermano ZF con le forcelle che ricevono una nuova taratura nei passaggi, mentre i foderi subiscono un nuovo trattamento di anodizzazione che li irrigidisce e dona loro una colorazione diversa.

Nel mono ammortizzatore, invece, l’intervento è stato ancor più invasivo: sono stati creati due circuiti separati per la regolazione delle basse e alte velocità di compressione che consente una miglior sensibilità dei registri e quindi maggiori personalizzazioni. Un altra miglioria riguarda il comando della frizione. In passato, in condizioni più “esasperate”, qualcuno aveva lamentato un comando duro e poco modulabile. Da qui, l’idea di utilizzare una frizione con molle a tazza, permettendo quindi tre differenti personalizzazioni per risolvere il problema.

Nella sola gamma 4 tempi troviamo inoltre una nuova trasmissione primaria più leggera e una nuova centralina più sofisticata della precedente, in grado di gestire meglio il freno motore, rendendo la moto più libera al rilascio del gas e, contestualmente, impattando sul controllo dell’erogazione motore in maniere percettibilmente più sensibile alle mappe sole/pioggia. 

Altra importante novità è la partnership con MAXXIS, che ne prevede il montaggio degli pneumatici in dotazione.

Si confermano pompe e pinze Nissin per l’impianto frenante, Brembo per quello idraulico della frizione.

Come va?

Appena monti in sella ti senti subito a tuo agio: l’ergonomia è filante e te ne rendi subito conto anche negli spostamenti; le fiancatine che avvolgono il serbatoio permettono di avanzare fino all’altezza dei radiatori senza divaricare le gambe, idem spostandosi indietro senza l’ingombro della cassa filtro che non sporge minimamente dalla linea della sella.

La distanza manubrio-pedane è perfetta per la guida in piedi fino a piloti con altezza non superiore ai 1,85 mt; ottima anche la seduta, nonostante la sella abbia un’imbottitura minimale.

Ci ha stupito tantissimo la guida, sia a livello di telaio che di motore

L’inserimento in curva con la Beta RR 430 è facile, i cambi di direzione non richiedono il benché minimo sforzo risultando molto intuitiva. La maneggevolezza della moto è tale da averci portati a scommettere sul suo reale peso: il percepito non si è discostato molto dai 108,5 kg a secco dichiarati dall’azienda madre.

La prova del nove l’ha fatta la bilancia, per decretare senza dubbi la reale massa in ordine di marcia. Il responso ha evidenziato i 115 kg perfettamente in linea con quanto dichiarato dalla casa fiorentina, ma scommessa persa!

Il motore è eccellente, molto elastico e con tanta coppia: doti che abbinate alla cubatura (430 cc) permettono una guida fluida con qualsiasi marcia e nel computo di una giornata di enduro si può tradurre in minor affaticamento fisico. Nel caso in cui si necessiti di una guida ancora più distensiva, resta l’opzione della mappatura “rain” che rende il motore ancora più lineare.

Il reparto sospensioni è ulteriormente migliorato, sottolineando quanto già detto: il mono, più sensibile alle regolazioni, permette una personalizzazione più fine. Con alcuni piccoli interventi ci sono sembrate ottime all’uso di un pilota amatoriale di ottima caratura.

Nel veloce, vista la stabilità di questa Beta RR 430, è possibile mantenere un’andatura briosa se non elevata, facendo spazzolare il retrotreno anche con le marce alte; la frenata, anche la più tirata, risulta aggressiva e precisa.

In mulattiera abbiamo apprezzato la bontà della frizione con le molle a tazza, sempre modulabile e morbida nell’utilizzo. Tuttavia, è merito del motore quello di levare da ogni impaccio (impiccio?) grazie alla tanta coppia e alla risposta sempre lineare dell’acceleratore.

Nel complesso una moto equilibrata in ogni condizione di utilizzo

Cosa mi piace

  • Quasi totale assenza di freno motore
  • Frizione
  • Facilità generale di guida 


Cosa non mi piace

  • Mancanza ventola raffreddamento
  • Paramani poco protettivi

Motore 

Cilindrata/Alesaggio/CorsaMonocilindrico 4T 430,9 cc / 95mm / 60,8mm
Rapporto di compressione12,33:1
Distribuzione4 valvole DOHC
AlimentazioneIniezione elettronica
Lubrificazione2 pompe olio
RaffreddamentoA liquido
Cambio6 marce
FrizioneDischi multipli in bagno d’olio

Ciclistica

TelaioAcciaio al molibdeno con doppia culla sdoppiata
Serbatoio9 Lt.
Sospensioni tipo/corsaForcella a steli rovesciati ø. 48 mm 295mm/ monoammortizzatore 290mm
Freni ant/postDisco 260mm/Disco 240mm
Inclinazione canottoN.D.
Interasse1490 mm
Altezza sella940 mm
Ruote90-90/21” – 140-80/18”
Peso a secco108,5 kg 

Prezzo: a partire da 9.390 €

Testo e tester: Pietro Bartolomei
Foto e video: Andrea Migliorati Photographer

Casco: Bell Moto9 Flex
Abbigliamento: UFOPLAST completo Vanadium Blu-Rosso fluo
Stivali: TCX Comp Evo 2 Michelin Indigo-Blue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

Umbria Raid experience

Umbria Raid Experience

Il motoclub “Campelloinmoto” ha organizzato una bellissima manifestazione “Umbria Raid Experience 2024” che alla sua prima edizione ha visto più di 100 iscritti e amanti delle due ruote, creando un doppio percorso con tratti in comune, sia per gli amanti dell’offroad che per il discovering stradale. In entrambi le alternative, a scelta dei partecipanti, la navigazione prevista è stata tramite tracce Gpx, ma non è tutto…  per gli amanti dell’avventura “vera e pura” l’organizzazione ha organizzato una moto-tendata per l’occasione in una vallata ad alta quota incantevole.  

Leggi di più >
Three Islands Raid

Honda “Three Islands Raid” 2024.

L’idea è nata in inverno, dopo il salone di Milano dello scorso anno, quando l’Africa Twin 2024 ha raccolto intorno a sé tanto entusiasmo e i più disparati pareri sull’attitudine delle due versioni, ES ed Adventure Sports, più semplicemente identificabili come “ruota 21” e “ruota 19”.

Leggi di più >

È online “Aprilia Tuareg queen of Africa”

IMMAGINI SPETTACOLARI RACCONTANO LA STRAORDINARIA IMPRESA DI APRILIA TUAREG, DOMINATRICE ALL’ESORDIO NEL DESERTO, NELLA MASSACRANTE AFRICA ECO RACE 2024

IL DOCUMENTARIO CHE EMOZIONERÀ OGNI APPASSIONATO, TESTIMONIANZA MOZZAFIATO DI UNA GARA UNICA E DI UN TRIONFO INDIMENTICABILE

PER RIVIVERE TUTTE LE EMOZIONI DI UNA VITTORIA STORICA, DAI TIMORI DELLA VIGILIA FINO ALLA GIOIA LIBERATORIA DELL’ARRIVO SUL MITICO LAGO ROSA DI DAKAR

Leggi di più >