Partiamo con il nuovo punto di riferimento:

Innovativo, caratteristico, all’avanguardia: grazie al compatto C4 PRO, SCHUBERTH scrive un nuovo capitolo nella storia dei caschi modulari. Il C4 PRO convince su tutti i fronti unendo una calotta interna di nuova concezione offrendo massimo comfort e un ottimo isolamento acustico. SCHUBERTH lancia sul mercato il casco modulare più comodo e silenzioso che abbia mai sviluppato.

Conquer the world: Il nuovo SCHUBERTH C4 PRO ha tutto quello che serve ad un motociclista esigente abituato a percorrere lunghe tratte con una guida dinamica. Il nuovo casco – Made in Magdeburgo – C4 PRO ha fatto la sua prima apparizione all’EICMA 2018 di Milano ed è pronto per essere lanciato sul mercato.

Calzata perfetta, tecnologia innovativa, qualità eccellente, stravagante, unico e così compatto che quasi non dimostra di essere un casco modulare. Il design mozzafiato e le grafiche moderne del nuovo SCHUBERTH C4 PRO sono interamente sviluppati dallo studio Kiska.

La particolarità di questo casco è sicuramente la nuova calzata abbinata ad un concetto acustico ottimizzato. La nuova geometria della calotta interna con imbottitura senza cuciture, binari laterali ottimizzati per l’inserimento occhiali nonché un nuovo proteggi-mento più esteso assicurano il massimo comfort. Grazie al perfezionamento del paranuca e alla modifica delle parti meccaniche, il C4 PRO raggiunge circa 85 dB(A) a 100 km/h su una Naked riducendo sensibilmente il rumore del vento. La lente antifog Pinlock® 120 di serie, utilizzata anche nella MotoGP e nella Formula1, garantisce un ampio campo visivo in qualsiasi circostanza.

SCHUBERTH C4 PRO introduce nuovi standard anche per quando riguarda la qualità della ricezione radio e Bluetooth. Non comprende solo un’antenna integrata ma anche due altoparlanti preinstallati e un microfono boomless predisposto per i sistemi di comunicazione SC2 e SC1 (opzionali) sviluppato da SENA. 100% “Plug and Play”.

Il nuovo SCHUBERTH C4 PRO, oltre a essere sfacciatamente bello, è stato anche ottimizzato all’interno dell’Air and Acoustics Lab di SCHUBERTH. Ecco perché ci si può aspettare molto di più in aggiunta alle caratteristiche che già hanno reso i caschi modulari SCHUBERTH i più amati dai motociclisti Touring. La perfetta aerodinamica di questo casco lo rende perfetto anche per la guida ad alta velocità e per i motociclisti più esigenti.

Il nuovo SCHUBERTH C4 PRO si presenta in cinque monocolori a partire da 599 €, in nove fantastiche grafiche a partire da 699 € e in sette taglie dalla XS (53) alla XXXL (65), con cinque anni di garanzia senza se e senza ma.

visita il sito www.schuberth.com/it

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >