LE NUOVE V-STROM 1050 E 1050DE ARRIVANO IN CONCESSIONARIA

L’attesa è terminata. Con la primavera ormai alle porte arrivano nei concessionari Suzuki due importanti novità che la Casa di Hamamatsu ha presentato per il 2023, le nuove V-STROM 1050 e V-STROM 1050DE. Questi modelli si pongono al vertice della famiglia delle Sport Enduro Tourer di Suzuki, che in oltre vent’anni di presenza sul mercato è diventata un punto di riferimento del segmento e si è guadagnata una solida fama di affidabilità e di qualità.
Con il lancio della gamma V-STROM 2023 Suzuki amplia la sua offerta, proponendo due versioni ben distinte della V-STROM 1050. Una si pone nel solco della tradizione ed è caratterizzata da un’indole turistica stradale. L’altra è invece inedita ed è depositaria di una più spiccata vocazione per le uscite in fuoristrada e per i raid più avventurosi. La debuttante in questione è la V-STROM 1050DE, pensata per chi cerca una moto versatile, capace di disimpegnarsi bene nell’off-road come nell’utilizzo quotidiano. Questa moto affianca in listino la V-STROM 1050, che aggiorna il suo rendimento su asfalto e sulle strade bianche attraverso una serie di interventi che ne esaltano le prestazioni e le proverbiali doti di comfort e praticità.

Le due facce della libertà
Chi ama viaggiare in moto considera la Suzuki V-STROM 1050 uno straordinario strumento di libertà, un’esatta trasposizione su ruote della filosofia che ha ispirato il suo progetto: “The Master of Adventure” – Ovunque ti porti il tuo viaggio. Oggi questo spirito avventuroso si materializza in due forme diverse.

V-STROM 1050
La V-STROM 1050 trova il suo habitat ideale sui percorsi ricchi di curve e nel turismo a lungo raggio, quando può far valere il suo impareggiabile equilibrio tra prestazioni e comfort di marcia. Con la loro leggerezza i cerchi in lega da 17” sul posteriore e 19” sull’anteriore regalano un piacere e una precisione di guida eccezionali, mentre la sella e il cupolino regolabili in altezza consentono ai piloti di tutte le taglie di trovare una posizione comoda e sportiva al tempo stesso, ben protetti dall’aria.

V-STROM 1050DE
Basta uno sguardo per cogliere la diversa personalità della V-STROM 1050DE, una moto inarrestabile e pronta ad affrontare ogni situazione anche lontano dall’asfalto. Oltre al compatto parabrezza fumé, alle colorazioni e alle grafiche specifiche, si notano subito le ruote a raggi, con cerchio anteriore da 21 pollici e pneumatici semi-tassellati. La moto appare più alta, con sospensioni a corsa lunga che portano la sella a 880 mm da terra. Tutta la ciclistica è però ripensata nell’ottica di un impiego off-road. Per migliorare la stabilità sui fondi sconnessi aumentano l’inclinazione del cannotto di sterzo e la lunghezza dell’interasse e del forcellone, che è stato anche irrigidito. Per favorire un miglior controllo in fuoristrada la V-STROM 1050DE monta anche un manubrio più largo e pedane maggiorate. La sua dotazione specifica include poi una catena rinforzata, una protezione paracoppa in alluminio e barre paramotore di serie.
Per aiutare ancor di più il pilota sui fondi a bassa aderenza, la V-STROM 1050DE dà inoltre la possibilità di disattivare l’ABS sulla ruota posteriore e introduce una nuova modalità G (Gravel) per il traction control, che consente uno slittamento controllato della ruota in accelerazione.

Il meglio della tecnologia
A fare da denominatore comune all’intera gamma V-STROM 1050  è un pacchetto tecnico raffinato. Parlando di elettronica, i fiori all’occhiello sono il nuovo display TFT LCD a colori da 5 pollici, chiaro e completo, e il pacchetto S.I.R.S. Il Suzuki Intelligent Ride System gestisce in modo integrato una serie di dispositivi avanzati sfruttando anche i dati rilevati da una piattaforma inerziale Bosch a tre assi.
Il telaio a doppia trave di alluminio si presenta irrobustito nella zona del reggisella e supporta l’ultima evoluzione del motore bicilindrico a V, che eroga oltre 107 CV. Grazie al sistema “Scegliiltiro” (Suzuki Drive Mode Selector – SDMS) è il pilota a decidere le mappe e selezionare tre diverse curve di erogazione che fanno variare la risposta del motore all’acceleratore ride-by-wire. Chi guida può anche regolare il sistema “Aprisereno” (Suzuki Traction Control System) su tre livelli (quattro per la versione DE, con la citata funzione G) oppure disattivarlo o affidare il compito al cruise control per mantenere costante la velocità.

Sulle nuove V-STROM 1050 arriva il sistema “Cambiarapido” (Bi-directional Quick Shift System), che permette di cambiare le marce senza usare la frizione.

L’elenco degli equipaggiamenti delle V-STROM 1050 comprende:

– “Frenainpiega” – Motion Track Brake System, Hill Hold Control System, Slope Dependent Control System, Load Dependent Control System;
– “Partifacile” (Low RPM Assist) e Suzuki Easy Start System.

Grazie al lavoro degli ingegneri Suzuki, la moto è equipaggiata con sistemi che la rendono più facile da guidare, più efficiente e in grado di offrire prestazioni superiori, senza interferire troppo con l’esperienza di guida.

I colori e i prezzi della gamma V-STROM 1050 
La V-STROM 1050 è venduta a 15.290 Euro ed è disponibile in quattro diverse livree bicolore: Blu Varsavia, Grigio Istanbul, Nero Nairobi e Rosso Pechino. Il Rosso Pechino è una novità rispetto a quanto annunciato in occasione del lancio.  Chi opta per la V-STROM 1050DEpuò scegliere tra tre colorazioni bicolore: Giallo Luxor, Blu Rodi e Nero Nairobi, tutte proposte a 15.990 Euro.
Le V-STROM 1050 possono essere personalizzate a piacere attingendo a un vasto catalogo di accessori originali.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >