Le nuove scarpe Tucano Urbano

Reinterpretare in chiave motociclistica gli stili urbani più diffusi e amati dal pubblico rappresenta da sempre uno dei tratti distintivi di TUCANO URBANOOra è arrivato anche il turno delle scarpe. Per l’autunno-inverno 2018-19, il brand milanese lancia sul mercato una nuova collezione di calzature, con quattro modelli studiati per garantire sicurezza e stile: gli elementi indispensabili per l’uso su due ruote si combinano con il design delle calzature più amate da chi vive la città.

Gli sforzi di TUCANO URBANO si sono concentrati sul desert boot con la caratteristica suola in gomma per sviluppare KENT, disponibile in dark sand e grigio, e sul polacchino stringato in pelle nera per progettare JAMES, abbinabile all’abito scuro nelle giornate piovose della city. A questi due modelli si affiancano MARTY, sneaker dal look pulito ed essenziale, e MOON RIVER, stivale biker con suola offroad, da indossare rigorosamente con i jeans bootcut.

Quattro modelli diversi, con quattro punti di forza. Tutte realizzate in vera pelle, le scarpe TUCANO URBANO sono dotate di membrana 100% impermeabile e traspirante, protezione sui malleoli, dettagli rifrangenti e suola antiscivolo.

Ma a fare la vera differenza è la certificazione: i modelli KENT (129,00 €) e MARTY (149,00 €) sono certificati moto CE – 2° Categoria secondo la direttiva EN1364:2017, mentre sono certificate CE – 2° Categoria secondo la direttiva 89/686/CEE JAMES (149,00 €) e MOON RIVER (169,00 €).

“È stata un’autentica sfida – spiega Diego Sgorbati, CEO di Tucano Urbano – . Per il nostro team Ricerca&Sviluppo non è stato facile rispettare le dimensioni e le proporzioni delle calzature classiche rispondendo al contempo ai requisiti di prestazione delle scarpe tecniche, ma siamo soddisfatti del risultato raggiunto: le nuove scarpe Tucano Urbano sono davvero uniche nel panorama motociclistico”.

A tutte le calzature TUCANO URBANO si può abbinare ovviamente LAFASCETTA (14,90 €) , il nuovo salvascarpe realizzato per proteggere la tomaia dall’usura da contatto con la leva del cambio. Tra l’altro, per evitarne anche l’usura in caso di utilizzo una volta scesi dalla sella, è dotato di inserto battistrada.

Dunque, non rimane che calzare la scarpa giusta e montare in sella alla propria due ruote preferita.

info@tucanourbano.comwww.tucanourbano.com.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >