HEVIK – SAFETY VEST LIGHT

Quando si viaggia su strada, specialmente su due ruote, l’alta visibilità è un aspetto fondamentale per la sicurezza propria e altrui. 

A questo scopo il marchio HEVIK propone SAFETY VEST LIGHT, un gilet unisex in giallo fluo con inserti rifrangenti da indossare comodamente sopra ogni tipologia di giacca da moto.

Il capo è certificato.

Il tema della sicurezza in moto, ma anche in bicicletta e a bordo di tutti i nuovi mezzi elettrici che stanno prendendo piede in questo momento, non va mai dato per scontato ed è importante fare tutto il possibile per proteggersi…a partire dalla visibilità.

SAFETY VEST LIGHT di HEVIK nasce proprio per aiutare a “farsi notare” quando si viaggia in moto, dalla quotidianità urbana a un tragitto più lungo e impegnativo, alle vacanze fuori confine: ci sono già paesi europei che un gilet come questo obbligano ad averlo con sé o consigliano fortemente di indossarlo.

Il capo in sé si presenta semplice e poco ingombrante, facile da riporre sotto la sella o nella borsa, ma perfettamente efficace al proprio scopo: il tessuto in giallo fluo e gli ampi inserti rifrangenti su petto, spalle e schiena lo rendono visibile sia di giorno sia dopo il crepuscolo.

SAFETY VEST LIGHT è disponibile in 3 “maxi taglie” unisex: S/M, L/XL e XXL/XXXL.

IL CAPO È CERTIFICATO IN ACCORDO ALLA NORMATIVA UNI EN 1150:2001.

PREZZO AL PUBBLICO: 34,90 euro

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >