HAT SERIES PAVIA SANREMO 2022

Dopo i 2 ADVENTOUREFEST di Bobbio e Sestriere potevamo mancare al penultimo appuntamento poco prima delle vacanze? Assolutamente no! Partenza dal centro di Pavia nella zona della città universitaria e arrivo a Portosole a SANREMO.

Il ritrovo è vicino ai Bastioni di Sant’ Epifanio, che risultano anche quelli più ben conservati, nei secoli ha ben protetto la città e in qualche modo avvolge anche noi e gli stand dei principali sostenitori dell’HAT SERIES: DAINESE, NOLAN, KTM, ANLAS, SHAD, TCX, KLIM, ENDURISTAN, GARMIN, SW-MOTECH e MBE.

Dopo il briefing di venerdì sera, nella magnifica Aula Magna dell’Università di Pavia, il sabato mattina si lascia Pavia con partenza anticipata dovuto al caldo, diversi chilometri sugli argini non poco insidiosi, pietre smosse come ciottoli di fiume e sabbia molle, tutto reso più difficoltoso dai 40C°, davvero impegnativo.

Presto dopo sterratoni veloci in mezzo a campi di meliga, si entra in Alta Langa con sali scendi nei boschi piacevoli e scorrevoli con pausa pranzo a Mombaruzzo famosa per i suoi amaretti per poi giungere a sera a Cairo Montenotte.

I monti liguri riservano qualche mulattiera tosta con tratti molto stretti, ma fortunatamente il gran motore fluido della nostra Africa Twin 1100, il bicilindrico dalla coppia importante è ben gestibile e ci porta su, coadiuvato dalla doppia frizione ( DCT ) non la fai spegnere e aiuta a salire tra le pietre smosse senza timori anche in tratti lenti che davvero non avremmo pensato di fare.

Una ricca e meritata cena ci aspetta il sabato sera nel centro di Cairo Montenotte nel ristorante/pensione delle Alpi tel: 019504730, agnolotti spettacolari! Siamo anche in compagnia dei campioni Jacopo Cerruti Maurizio Gerini veri manici sulleHusqvarna Norden 901 con Francesca su CRF450 e i piloti in sella alle Morini Luca Giorgio e Andrea che a metà settembre organizzerà con i suoi amici il primo Rally d’Abruzzo.

La domenica mattina presto si parte alla volta di Garessio per chi ha la traccia Discovery, e Zuccarello per la Classic che sarebbe anche la più impegnativa ma sempre adatta anche ai bicilindrici se muniti di un minimo d’esperienza. Incredibili i percorsi in cresta prima e dopo la Galleria di Garezzo a 1.770 mt. , finalmente troviamo la frescura tanta desiderata, con anche possibilità di rifocillarsi!

I buon Corrado e Nicola organizzatori delle HAT, difficilmente lasciano i partecipanti a stomaco vuoto. 

Ancora tante pietre che mettono a dura prova le nostre gomme Anlas Capra X, fortunatamente tengono bene, guidando con fluidità e facendo scorrere la nostra Africa Twin nessun problema, la discesa verso Sanremo è ripida ma ci si diverte, da lontano s’intravede l’azzurro del mare e ormai ci siamo.

Un grande evento e tanto divertimento ed emozioni per tutti, solo grazie al supporto delle istituzioni si è potuto realizzare, fortunatamente esistono realtà che hanno ben capito la bontà di questi eventi e come possano aiutare a conoscere realtà ignare per molti e si riflettano positivamente sull’economia del territorio.

E’ importante ricordare il supporto di: Regione Piemonte, Lombardia, e Liguria che hanno concesso il loro patrocinio, la Province di PaviaAlessandriaCuneo Savona Imperia, i Comuni di PaviaCairo Montenotte  e Sanremo, oltre ai numerosi comuni attraversati in questa edizione. Davvero preziosa anche la collaborazione delle agenzie AIPO IN LIGURIA di Genova. Tutti paesi che racchiudono storia e tradizioni che vanno scoperte e quasi cercati in un territorio così vario e mai monotono!

Ora si riparte per la prossima avventura, riamante connessi al sito: https://over2000riders.com/  per non perdere appuntamenti e iniziative dedicate al mototurismo intelligente ed esplorativo, sempre nel pieno rispetto delle regole e del territorio.

Ricordatevi: HAT SANREMO SESTRIERE HARDALPITOURdel 2-4 settembre 2022. 

Testo e foto: Fabrizio Gillone

Strumenti utilizzati:

MotoHONDA AFRICA TWIN CRF1100 ADVENTURE SPORTS DCT

Casco:  BELL MX9 ADVENTURE 

Maschera occhialeFMF POWERCORE FLAME

Tuta:    SPIDI ALLROAD

GuantiSpidi FLASH – R EVO

Fotocamera mirrorlessNikon Z30 – ob. Vr 16-50 – card Lexar 64 gb 667 x

Action camDJI Action Cam 2 

Drone: DJI Mini 3 PRO

Navigatore : Garmin ZUMO XT

Pneumatici: Anlas Capra X

Borse: SHAD Terra TR40

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >