HAT SANREMO-SESTRIERE 8-10 settembre 2023

Da Sanremo a Sestriere, sulle più mitiche strade dell’adventouring
Novità Extreme 1000, la nuova sfida per i più esperti

4 percorsi diversi, da 500 a 1000 km con numerosi tratti inediti, 26 punti ristoro

Ancora record di iscritti: 530 piloti da 13 nazioni
Partecipazione straordinaria di oltre 20 team ufficiali
KTM, Gas Gas, Husqvarna, Suzuki, Triumph, Moto Morini,
Yamaha, Honda, Royal Enfield, BMW
e tanti altri ancora

Esordio della Kove, presente al via il suo presidente Xue Zhang

Nata come Hardalpitour nel 2009 facendo base nella piccola cittadina di Ormea in provincia di Cuneo,
la HAT era considerata una manifestazione pioniera del mototurismo d’avventura ma dal futuro
improbabile. Troppe le difficoltà organizzative sia logistiche che di impatto su territori sempre più
complessi, tutti fattori che avrebbero fatto desistere i più. Ma non Corrado Capra che, mosso da una
passione inesauribile e genuina per la moto ed i viaggi avventura, ha trovato la forza ed il coraggio per
realizzare una manifestazione che in realtà rappresentava il sogno di molti, un viaggio da A a B
prevalentemente in fuoristrada sulle strade di casa. Con Corrado la HAT è cresciuta soprattutto perché
basata su principi di correttezza e rispetto, sulla chiarezza degli intenti e sul senso di responsabilità.
Intorno a lui una squadra di appassionati che nel tempo sono diventati quasi professionisti
dell’organizzazione di eventi.
La Hardalpitour, diventata nel tempo HAT Sanremo Sestriere, è cresciuta anno dopo anno, ed arriva
oggi a questa 15a edizione nella sua forma più splendente e con il favore di una schiera di appassionati.
Nel frattempo, il mototurismo avventura è diventato una disciplina chiamata Adventouring ed il
mercato della moto Adventure è diventato il più importante del mondo moto. Siamo sicuri che in
questo la HAT ha fatto la sua parte.

La 15a HAT Sanremo Sestriere
Venerdì 8 settembre 2023 all’HAT Village di Sanremo si presenteranno tra i migliori esperti e preparati
motociclisti d’avventura d’Europa. Gli iscritti sono circa 530 (+10% vs 2022), per il 50% provenienti
dall’estero per un totale di 13 nazioni rappresentate. Tra questi più di una ventina di team schierati da
case moto ufficiali e da aziende del settore, confermando che la HAT è un evento che dialoga
perfettamente con il mondo adventouring. Questo l’elenco dei team e dei loro piloti che merita di
essere comunicato:

  • KTM, con lo stunt-rider Marco Iob, Roberto Ungaro e lo chef stellato Roberto Valbuzzi
  • Gas Gas, con Roberto Tonelli, pluricampione italiano motorally
  • Husqvarna, con il dakariano Maurizio Gerini
  • Suzuki, con Cesare Zacchetti, Ottavio Missoni ed il preparatore tedesco Stefan Hessler
  • Kove, con il suo presidente Xue Zhang, Cesare Galli, titolare della Pelpi Int., e Klaus Nennewitz
  • Triumph, con Andrea Perfetti, Luca Viglio, Giada De Zan ed il noto Salvo Pennisi di Pirelli
  • Moto Morini, con i suoi ambassador, lo spagnolo dakariano Oriol Mena e Luca Marcotulli
  • Honda con Francesca Gasperi, fresca del suo viaggio-avventura benefico in Madagascar,
    l’inossidabile Renato Zocchi e le giovani ragazze di Dal Tacco al Tassello
  • Royal Enfield, con Sasa Di Benedetto con l’Himalaian all’esordio alla HAT
  • Yamaha Deutschland, con il suo AD Marcel Drissen e 4 piloti per celebrare i 40 anni della Teneré
  • Yamaha Twinsbike, con l’esperto pilota Alessandro Ruoso ed altri del suo team motorally
  • BMW, con la squadra degli istruttori della GS Academy
  • Continental, con Alessandro Broia ed un gruppo di clienti speciali
  • Spanu Academy, con la promessa dell’enduro Claudio Spanu e due giovani esordienti alla HAT
    Ed ancora altri piloti dei team Interphone, SW Motech, Enduristan, Mosko Moto, Seipercento e
    l’influencer Federico Marretta con un nutrito gruppo di amici.
    Sicuramente di rilievo la partecipazione di Xue Zhang, presidente della molto dibattuta cinese Kove,
    appassionato di fuoristrada e primo a portare un team moto asiatico alla Dakar, che giungerà
    direttamente dalla Cina per partecipare a questa HAT che vedrà l’esordio delle sue moto sul nostro
    territorio.

Il territorio
Sede della partenza è ancora una volta Sanremo, che ripete magicamente il suo spartito perfetto di
accoglienza, clima e servizi. L’HAT Village, centro nevralgico di accoglienza, check-in, stand degli HAT
Partner e partenze, è comodamente allestito a ridosso del mare non lontano dal Casinò nel cui
prestigioso Teatro venerdì sera si terrà il briefing ed il via ufficiale della manifestazione.
Sestriere poi accoglierà come da sempre la carovana dell’avventura, ricevendo i piloti messi a dura
prova da un impegno importante quanto gratificante. Nella mente di tutti Sestriere è il sogno, la meta
di un week-end che sarà ricordato a lungo da loro nei mesi, negli anni successivi. Le strade sterrate intorno alla città olimpica, mito degli appassionati, sono il più sontuoso finale della manifestazione
adventouring più ambita e riconosciuta.
Tra Sanremo e Sestriere, tra Liguria e Piemonte, una lunga lista di ben 92 comuni, grandi, piccoli e
piccolissimi sulle cui strade passa la HAT. Grazie alla loro collaborazione è possibile realizzare una
manifestazione che sulla carta sembra un’opera impossibile, ma che invece ogni anno ripete la sua
magia nel rispetto di tutti. In connessione, sono ben 26 i punti ristoro organizzati alla HAT 2023.
Una menzione speciale è per Boves (CN), splendida cittadina che negli ultimi anni ospita con grande
calore ed efficienza il ristoro più importante nella sua accogliente piazza centrale.
E’ un turismo dinamico che offre scenari e panorami diversi ai partecipanti, su strade minori, poco
battute e su percorsi lontani dalle abitudini, per vivere una natura incontaminata e realtà storiche
inattese in fondo a valli minori, nascoste.
Questo è l’Adventouring, e questa è la HAT Sanremo Sestriere.


I percorsi
I partecipanti hanno scelto tra i 4 percorsi: il DISCOVERY (490 km), il CLASSIC (580 km) e l’EXTREME
(780 km) e l’EXTREME 1000 (985 km) in base al loro desiderio di sfida ed alla loro esperienza. Per tutti
l’obiettivo è raggiungere il traguardo di Sestriere, senza particolari vincoli di tempo e percorso.
L’Extreme 1000 è la novità di quest’anno, nata per offrire una nuova massima sfida nel mondo
adventouring, dove l’asticella sale al gradino più alto. Un vero cimento riservato a soli 40 piloti tra i
più esperti ed “estremi”, una maratona no-stop di circa 42 ore stimate. Per loro un trattamento
particolare con un centinaio di km di nuovi percorsi ed un esclusivo bivacco notturno specificamente
organizzato a Oncino (CN) in una località isolata per replicare l’atmosfera dei mitici eventi del deserto.
Il loro bagaglio sarà trasportato da un camion Iveco 4×4 di esperienze africane. La partenza da
Sanremo è prevista dalle 22.30 di venerdì.
Subito a seguire la partenza della Extreme, una grande prova di quasi 800 km, che comunque solo i
più esperti possano portare a compimento nel tempo massimo senza dover tagliare il percorso.
La Classic è il percorso che ripete lo spirito originario della HAT: 24 ore no-stop per raggiungere
Sestriere. La guida notturna è anche qui parte del fascino della HAT e la maggior parte dei partecipanti
è su questo percorso.
La Discovery è invece studiata per chi vuole partecipare ad un grande evento come la HAT senza la
guida notturna e con un percorso più corto e più semplice dove il fuoristrada è alla portata di chi ha un
minimo d’esperienza. La partecipazione alle Extreme e alla Classic è per team di minimo 3 piloti,
mentre la Discovery si può percorrere anche in solitaria.
Il programma
Il programma avrà inizio nel primo pomeriggio di venerdì 8 settembre all’interno dell’HAT Village dove
presso il nuovo HAT BOOT CAMP si effettuerà il check-in dei partecipanti.

Saranno presenti gli stand di tutti i partner HAT SERIES a partire da KTM e CONTINENTAL, quest’ultima
presente con il cambio pneumatici riservato ai partecipanti. Quindi SHAD, GARMIN, REALE MUTUA
ASSICURAZIONI, MBE, SW MOTECH, ENDURISTAN, INTERPHONE, MYTECH e KLIM. Altre aziende
completeranno un paddock di assoluto interesse e rilievo. Il briefing dell’evento si terrà nuovamente
presso un luogo cittadino iconico, il Teatro del Casinò di Sanremo.
Le partenze dall’HAT Village saranno venerdì 8 settembre dalle 23.00 per le Extreme e sabato 9
settembre dalle ore 9.00 per la Discovery e la Classic.
Sono circa 60 gli addetti ai servizi della HAT, organizzati da Over2000riders con schemi e piani di lavoro
coordinati ben precisi, con l’assistenza continua delle tecnologie più avanzate tra cui il servizio di
tracking di ogni equipaggio alla partenza, per garantire la massima sicurezza. Importante il servizio
medico approntato formato da 12 persone con 3 unità mobili e 5 postazioni fisse della Croce Verde.
Un ringraziamento speciale è dedicato gli Enti Locali, spesso attivi e favorevoli allo sviluppo di questa
disciplina nei loro territori. Si ringraziano in particolar modo, non solo le Regioni Liguria e Piemonte
che hanno concesso il loro patrocinio, ma anche la Province di Imperia, Savona e Cuneo, i Comuni di
Sanremo, Boves e Sestriere, oltre ai numerosi comuni attraversati in questa edizione. Davvero
preziosa anche la collaborazione dell’agenzia IN LIGURIA di Genova e di SANREMO ON.
La HAT Sanremo Sestriere è un viaggio-avventura inserito nel Calendario Adventouring 2023 di AICS
Motociclismo.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >