HARDALPITOUR HAT SANREMO-SESTRIERE 2019

HARDALPITOUR HAT SANREMO-SESTRIERE 2019

Il più grande evento Adventouring in Europa giunge alla sua 11^ edizione con grandi novità
 

Priorità di partenza, passaggio alla Galleria dei Saraceni e altre novità di percorso, nuova sosta a Cuneo e il Marathon Prize per chi completerà il percorso rispettando i check-point: ecco tutte le novità 2019!

6-8 settembre 2019

Giunge alla sua 11^ edizione la mitica HARDALPITOUR che, grazie alla costante partecipazione di circa 500 motociclisti provenienti da oltre 15 nazioni, può definirsi il più grande evento Adventouring d’Europa. La partenza sarà ancora una volta da Sanremo, località particolarmente gradita da partecipanti e accompagnatori, soprattutto stranieri, che in questa città di mare trovano motivi d’interesse e di svago: dalle spiagge sabbiose al famoso Casinò, agli eleganti negozi del centro storico. Rinnovata anche la collaborazione con il Casinò di Sanremo, che ospiterà i partecipanti nel suo teatro per la HAT Night e il briefing. Il Piazzale Dapporto (ex Stazione), a ridosso del mare, ospiterà l’HAT Village con il palco partenza e gli stand dei numerosi partner della manifestazione, accogliendo il raduno dei tantissimi partecipanti.

Diverse le novità dell’edizione 2019:

  • PRIORITÀ DI PARTENZA IN BASE ALLA DATA D’ISCRIZIONE

L’elenco di partenza sarà in base alla data d’iscrizione del team, un vantaggio nella procedura di start che, per il grande numero dei partecipanti, dura qualche ora;

  • IL MARATHON PRIZE

Unito all’ambito Attestato di Partecipazione, è un ulteriore riconoscimento per chi avrà compiuto il suo percorso fedelmente passando da tutti i punti di controllo. Un premio speciale per chi avrà dimostrato massimo impegno, rispetto e perseveranza;

  • UNA NUOVA SOSTA/RISTORO NEL CENTRO DI CUNEO

La HAT va in salotto per una sosta e un ristoro nella centralissima Piazza Foro Boario, grazie all’ospitalità del primo capoluogo di provincia attraversato. La novità del contatto con il pubblico cittadino, per un evento tipico delle strade di montagna;

  • NUOVI PERCORSI OFF-ROAD IN LIGURIA, NEL CUNEENSE ED IN ALTA VAL DI SUSA

Continuo è il lavoro di scouting per garantire ai partecipanti nuovi percorsi per nuovi scenari. E quest’anno, novità per la Extreme sono vari nuovi percorsi in Liguria, nella zona di Bardineto e Bormida, e nei pressi di Garessio, quindi gran finale in Alta Val di Susa attraversando la Galleria dei Saraceni, per arrivare ai 2.800 mt dello straordinario Monte Jafferau con discesa su Bardonecchia. Sarà una domenica mattina indimenticabile. Così come per i partecipanti della Discovery, che si troveranno invece da tutt’altra parte per un ristoro mattutino alla magnifica Abbazia della Staffarda (XII secolo) vicino a Saluzzo. La HAT è un evento di ricerca di luoghi storici, che trova scenari stupendi e crea momenti meravigliosi;

  • SCONTO SULL’ISCRIZIONE DEI PARTECIPANTI UNDER 21  

La HAT diviene sempre più un momento per unire padri e figli in un’avventura di famiglia. I giovani motociclisti sono i benvenuti.

Come da tradizione HAT, saranno tre i percorsi, diversi per lunghezza e difficoltà, che ogni team di tre piloti potrà scegliere in base alle sue esigenze e capacità:

  • EXTREME, indicato per piloti di provata esperienza, è un vero viaggio “maratona” della durata di 40-42 ore, su di un percorso di circa 900 km. Davvero suggestiva la partenza alla mezzanotte del venerdì, sotto le luci dei riflettori che illuminano il palco partenza posto nell’HAT Village, alla presenza di tanti appassionati e curiosi.  Questo percorso prevede una lunga parte notturna con tanto fuoristrada in territorio ligure e un breve riposo a Garessio. Dopo aver percorso la mitica Via del Sale, inizia la discesa verso Cuneo per la seconda sosta. Qui il percorso si riunisce agli altri due, prima dell’arrivo a Sestriere previsto nel primo pomeriggio di domenica, in esclusiva il lungo tour finale in Alta Val di Susa prima descritto;
  • CLASSIC, che prevede circa 24 ore in sella, inclusa la parte di guida in notturna, su un percorso di circa 560 km. Affrontare il percorso Classic significa fare la Hardalpitour così come è stata pensata originariamente, assicurando tutte le emozioni di questa esperienza indimenticabile.  La partenza sarà alle ore 12 di sabato dal palco partenza dell’HAT Village a ridosso del mare, con arrivo sulle montagne di Sestriere nel primo pomeriggio di domenica;
  • DISCOVERY, della durata di due giorni su un percorso di circa 420 km di livello “facile”, che prevede la sosta notturna a Cuneo.  E’ il percorso per chi vuole partecipare a questa manifestazione con un impegno minore ma vivendone comunque l’esperienza. La prima parte del percorso, fino a Cuneo, coinciderà con il percorso Classic.  Dopo il risposo, la ripartenza domenica mattina presto per raggiungere Sestriere con un percorso scorrevole.  Alla Discovery è possibile partecipare anche singolarmente.  

Dal punto di vista organizzativo l’impegno è sempre al top grazie ai circa 50 membri dello staff composto, come di consueto, dagli esperti di Base Lunal’associazione piemontese della Protezione Civile specializzata in eventi motociclistici. E quest’anno saranno ben 16 i diversi punti ristoro organizzati e suddivisi sui vari percorsi. Per quanto riguarda la sicurezza, continua l’utilizzo dei tracker GPS distribuiti ai team partecipanti che consentono b e di inviare alla Centrale Operativa HAT eventuali richieste immediate di soccorso in caso di necessità.

PARTNER 2019

In crescita il numero delle aziende partner della HAT 2019, che sono: YAMAHA (moto), GARMIN (navigatori), T.UR (abbigliamento), ANLAS (pneumatici), TOURATECH (accessori), KLIM (abbigliamento), ENDURISTAN (accessori), LS2 HELMETS (caschi), TCX (stivali) e PLOTTERFILMS (pellicole transfer).

Ancora un pensiero di solidarietà alla HAT. Sarà presente per il secondo anno la start-up artigiana A MANETTA, pensata dall’associazione Brughiera CàDaMat per il carcere di Busto Arsizio:  un laboratorio di stampa su tessuto (nato grazie a Plotterfilms, altra azienda amica di HAT) che crea simpatiche t-shirt a tema “due ruote”, vendute anche sul posto. Il nome e il logo uniscono la passione per il motociclismo alla difficile condizione detentiva, o comunque di limitazione della libertà, con un’ironia speciale per chi ha bisogno di sostegno.

AICS MOTOCICLISMO-SETTORE ADVENTOURING

Un’importante novità per la stagione 2019 riguarda l’ingresso della HAT SERIES nel calendario Adventouring di AICS Motociclismo che, ricordiamo, prevede da regolamento la partecipazione di moto maxi-enduro con un peso minimo di 150 kg. AICS Motociclismo è nata a inizio 2018 con l’obiettivo di promuovere al meglio il mondo del motociclismo e coordinare a livello nazionale le attività sportive di carattere amatoriale, seppur con modalità competitive. Nel 2019 è nato il Settore Adventouring, coordinato da Corrado Capra.

ISCRIZIONE ALLA HARDALPITOUR HAT SANREMO-SESTRIERE 2019

Per info e iscrizioni alla HARDALPITOUR: https://www.over2000riders.com/viaggi/hardalpitour-2018-extreme-classic-discovery/ e https://www.hatseries.com/.

SOCIAL MEDIA

Gli eventi e le attività dedicate alla HAT SERIES, saranno raccontati attraverso le pagine ufficiali Facebook (@hatseries – @OVER2000riders), Instagram (@hatseries) e Twitter (@hatseries).

HASTAG ufficiali: #hatseries #hatexperience #hat2019 #roadtohardalpitour20119

Link foto: https://www.dropbox.com/sh/hgppc25ctuknbff/AAAuhtupXgRlrtJOmZZab7SFa?dl=0

Photo Credit: Massimo Di Trapani

Ufficio Stampa HAT SERIES | Stefania Galli

Ufficio +39 02.92.86.25.96 | Cellulare +39 345.63.20.989 | Email sg@stefaniagalli.com

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >