Green Park by Tucano Urbano

alla Londra degli anni Sessanta alle metropoli di oggi, lo stile Mod non ha mai smesso di essere distintivo di un look ricercato e ribelle.
Ora, gli stilemi più amati dai giovani della Swinging London rivivono in chiave contemporanea nel GREEN PARK, il nuovo parka della collezione autunno – inverno 2017-18 di TUCANO URBANO.
Proposto in edizione limitata e rigorosamente decorato con il pin della RAF, l’aviazione militare di Sua Maestà, il Green Park è l’omaggio di Tucano Urbano ai giovani londinesi che, nei primi anni Sessanta, per scorrazzare in sella agli scooter italiani tra i locali più alla moda, coprivano gli eleganti abiti acquistati in Carnaby Street con lunghi giacconi militari, eredità delle guerre appena concluse.
Quei parka comodi e robusti permettevano di arrivare con stile alla meta. Ebbene, quello stile viene ora rivisitato in chiave tecnica e funzionale da Tucano Urbano per continuare a vivere la città con quella stessa libertà ma con una maggiore comodità e sicurezza.

Realizzato in tessuto tecnico a base cotoniera e laminato con membrana impermeabile, il Green Park di Tucano Urbano assicura, grazie al sistema HYDROSCUD®, il 100 cento d’impermeabilità e traspirabilità.
A garanzia di sicurezza, è armato del COMFORT PROTECTION SYSTEMche offre protezioni leggere ed ergonomiche omologate CE-Livello 1 su spalle e gomiti, oltre a una tasca per la protezione sulla schiena.
L’interno è dotato d’imbottitura staccabile per offrire il miglior comfort termico durante un lungo periodo dell’anno. Completano l’equipaggiamento pratico e funzionale della giacca il REFLACTIVE® SYSTEM con inserto rifrangente a scomparsa sui polsi e il cappuccio ergonomico regolabile antisventolio, con bordo staccabile in ecopelliccia. Insomma, il Green Park è perfetto per rivivere con la tecnicità contemporanea la Swinging London degli anni Sessanta.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.tucanourbano.com

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >