Cesare Zacchetti conclude la Dakar 2024 con la KOVE 450 Rally!

Cesare Zacchetti completa la sua quinta Dakar, la più massacrante degli ultimi anni e lo fa con una Kove 450 Rally praticamente di serie, che sarà a breve presso le concessionarie!

Un’avventura emozionante, compiuta nell’impegnativa classe Original by Motul, senza assistenza e dormendo in tenda, ma neppure sempre: uno dei momenti più incredibili di questa Dakar è infatti la notte passata da solo nel deserto, bloccato dal buio mentre cercava di raggiungere il bivacco, dopo essere rimasto senza benzina.
Una gara piena di colpi di scena, come il rischio di compromettere tutto alla penultima tappa, quando l’Audi di Sainz è passata sopra alla Kove, mentre Cesare riusciva miracolosamente a balzare di lato!
Ma nulla è riuscito a scalfire generosità, tenacia, concentrazione, prudenza, manetta e quell’immancabile mix di eleganza e buonumore che l’hanno reso il beniamino di tutti gli appassionati, italiani e non solo.

Un binomio, quello di Zacchetti con Kove, nato quasi per caso ad un evento HAT, più per simpatia che per strategia, che si è via via consolidato con la vittoria allo Swank Rally di Tunisia e la partecipazione alla Malle Mutór di Rimini, in cui il Cesare dakariano ha viaggiato assieme al Cesare Galli, CEO di Pelpi International (distributore Kove), imprenditore di professione e motociclista per passione.

Leggi qui l’articolo sulla prova della Kove 450 Rally

Un’impresa seguita ora per ora sui nostri social, in compagnia di tantissimi appassionati che hanno fatto sentire calore e affetto sempre crescenti, per Cesare e anche per Kove, marchio quasi sconosciuto solo un anno fa e ora fra i più desiderati.

Merito dell’apprezzatissimo CEO Xue Zhang, di moto fatte da appassionati per appassionati e dal sapersi mettere in gioco nelle competizioni, come la Dakar, dove quest’anno Kove ha partecipato con ben sei piloti: Mason Klein, che a bordo del prototipo 450 Rally EX, ci ha regalato un terzo ed un quinto posto di tappa, fermato solo dal cedimento della batteria nell’unica tappa senza assistenza. Neels Theric, spesso intorno alla 24^ posizione di tappa, purtroppo attardato da alcuni inconvenienti. Fang Xiangliang che risulta il primo classificato fra i piloti Kove. Sunier Sunier, che nel 2023 ci aveva fatto sognare, rallentato dal recente infortunio alla spalla, ma prezioso per i compagni di squadra e nello sviluppo della seconda EX. Infine un augurio allo sfortunatissimo Xavier Flick, fratturato al polso nella prima tappa.

Adesso non ci resta aspettare il rientro di Cesare e della sua Kove per fare una grande festa tutti assieme e poi ci si prepara alla Dakar 2025!

Ma prima, molto prima: a partire da metà febbraio, le Kove 450 Rally saranno presso la nostra rete vendita, vi aspettiamo!

Guarda i video di Cesare Zacchetti alla Dakar 2024:

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >