Casco NOS NS-9

Adventouring “equilibrato”

Quando parliamo di caschi, si sa, si apre un mondo fatto di tanti elementi, che vanno dai materiali, al design, al prezzo… e spesso una cosa esclude l’altra, nel senso che è difficile trovare sul mercato un prodotto che sia di qualità, costruito con materiali e finiture di livello, che sia bello, con omologazione ECE 22-06 e soprattutto che abbia un costo accessibile.

Ecco, NOS, con il modello NS-9 c’è riuscita… in realtà ci è riuscita con tutta gamma, ma oggi il nostro “provato” si concentra sul modello dedicato al motociclista che utilizza una moto crossover e, più precisamente, una adventure.

NOS è un brand creato da BER Racing, famosissima azienda di Modena, da decenni importatrice esclusiva dei famosi caschi ARAI. Questa esperienza pluriennale, al fianco di una delle più blasonate case produttrici di caschi al mondo, ha fatto sì che i soci fondatori della BER infondessero tutto il proprio know-how nella creazione di un prodotto di alta qualità.

Casco NOS NS-9

Entrando nello specifico, il casco NOS NS-9 si caratterizza per la bellezza dei particolari

Oltre alla linea sobria ed elegante, con un frontalino bel proporzionato, con colori e grafiche molto accattivanti, spicca per la qualità degli interni, realizzati con tessuti anallergici e molto confortevoli, e con imbottiture ben bilanciate in fatto di consistenza, confezionati con belle cuciture colorate che danno il segno di quanta cura viene riservata nell’assemblaggio (la cucitura colorata non permette errori nell’allineamento…).

Il NOS NS-9 è dotato di visiera con Pin Lock anti appannamento, la lente retrattile parasole facilmente azionabile con una levetta laterale, un eccellente sistema di areazione che permette grande comfort anche con le temperature più elevate e un sistema di aggancio/sgancio rapido del cinturino molto pratico e sicuro.

L’altra caratteristica è la versatilità, in quanto il casco può essere utilizzato in tre conformazioni. La classica adventure, con visiera e frontalino montati, senza frontalino per un uso prettamente stradale, e senza visiere per un uso off-road specialistico, con l’adozione di una maschera cross.

Il casco non è di per sé una piuma, in quanto il peso di circa 1700 grammi lo pone non certo sul settore “ligth” rispetto alla concorrenza. È vero però, che ha un gran bel bilanciamento, tale che una volta indossato sembra realmente molto più leggero del peso dichiarato.

Silenzioso nell’utilizzo, ha  ottima capacità di penetrazione dell’aria, essendo praticamente nullo il fastidioso effetto “vela” caratteristico di questi caschi quando si procede a velocità elevate.

Tutto questo a un prezzo eccezionalmente concorrenziale che si aggira al di sotto dei 200 euro a seconda delle colorazioni. Direi che il NOS NS-9 ha le caratteristiche per scalare con tutta tranquillità l’affollato mercato dei caschi adventure!

Seguite la nostra presentazione sul video del “provato”. Buon viaggio e buona strada!

Testo: Edoardo Tommassini

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >