BMW MOTORRAD CELEBRA I 40 ANNI DEI MODELLI BMW GS.

Monaco. Un concept motociclistico tanto leggendario quanto sofisticato celebrerà il suo anniversario nel 2020: i modelli BMW GS compiono 40 anni. Nell’autunno 1980 la BMW Motorrad presentò la R 80 G / S, una motocicletta che combinava due aree molto speciali di guida per la prima volta: fuoristrada e su strada. Grazie alla sua combinazione unica di capacità su strada, touring e off-road – senza compromettere l’uso quotidiano – la R 80 G / S è diventata il precursore concettuale della nuova categoria di enduro da turismo creata da BMW Motorrad. E per di più: i modelli BMW GS sono diventati il sinonimo perfetto per il partner perfetto su due ruote per esplorare anche gli angoli più remoti del nostro pianeta. Fino ad oggi, BMW Motorrad è stata in grado di consegnare ai clienti oltre 1,2 milioni di modelli BMW GS.

Leggendari talenti della BMW GS: dinamica di guida, maestria fuoristrada, comfort e robustezza.

Ma non erano solo le avventure in moto che erano ideali per la BMW GS fin dall’inizio; anche la R 80 G / S e i suoi discendenti dimostrarono rapidamente le loro qualità nelle corse. Nel 1981 Hubert Auriol raggiunse la vittoria nella altrettanto prestigiosa e impegnativa Parigi – Dakar Rally. Questo è solo uno dei tanti successi nel mondo degli sport motoristici che BMW Motorrad ha potuto festeggiare con una GS. Gli straordinari talenti dei modelli GS boxer – dinamica di guida, padronanza fuoristrada, comfort e robustezza – sono stati continuamente mantenuti e sviluppati da BMW Motorrad negli ultimi 40 anni e trasferiti con successo ad altre serie di modelli BMW Motorrad. Nel 1993, la F 650 “Funduro” fu il primo enduro monocilindrico BMW ad entrare sul mercato. Mentre questa moto traeva la sua dinamica di guida dal suo peso ridotto e dalla spinta del monocilindrico da 47 CV, il cambio della protezione avveniva simultaneamente sui modelli BMW GS con motore boxer.

La GS come motore dell’innovazione: tecnologia a quattro valvole e Telelever.

Con la BMW R 1100 GS, la BMW Motorrad non solo ha presentato la prima GS con un boxer a 4 valvole e una potenza di 80 CV, ma ha anche percorso nuovi percorsi per quanto riguarda la tecnologia delle sospensioni per grandi enduro da turismo. Per la prima volta in un enduro, il motore e il cambio hanno agito come elementi portanti del telaio, rendendo superfluo un telaio principale. Mentre il sistema di sospensione delle ruote posteriori della BMW Paralever aveva già eliminato anni prima le reazioni motrici della trasmissione ad albero nei modelli con il boxer a due valvole, gli ingegneri della BMW avevano ora creato un modo innovativo di guidare le ruote anteriori usando le sospensioni Telelever. Con la compensazione del tono e la risposta altamente sensibile stabiliscono nuovi standard in questo settore. Inoltre, la nuova R 1100 GS è stata la prima enduro ad essere dotata di ABS, un vantaggio di sicurezza che ora è di serie su tutte le motociclette BMW.

I modelli GS della serie F: fascino GS per la gamma media.

Oltre a numerosi nuovi e ulteriori sviluppi, tra cui la F 650 GS (primo monocilindrico con iniezione elettronica di carburante, catalizzatore e ABS), prodotto a Berlino dal 2000 in poi, i modelli F 650 GS e F 800 GS lanciato nel 2007 ha segnato un’altra pietra miliare nella storia della BMW GS. Con il loro potente motore a 2 cilindri in linea ad alta coppia e il telaio tubolare torsionalmente rigido, hanno interpretato il tema della BMW GS nel suo modo BMW, ma molto tipico. Con questi nuovi modelli, BMW Motorrad non solo ha presentato i successori della F 650 GS di grande successo con il suo motore monocilindrico, ma allo stesso tempo ha ampliato l’offerta di enduro nella gamma media.

Boxer DOHC avanzato con due alberi a camme in testa.

BMW Motorrad ha presentato un altro momento saliente nell’autunno 2009 con il lancio della nuova BMW R 1200 GS. Ora equipaggiato con il boxer DOHC ancora più libero con due alberi a camme in testa per cilindro, offriva 81 kW / 110 CV e una dinamica di guida ancora più avanzata. Nell’anno del 2010, BMW Motorrad ha reso omaggio al trentesimo anniversario dei modelli GS e ai loro successi sia nella produzione di motociclette sia nello sport motoristico con i modelli speciali “30 Years GS” della BMW R 1200 GS, R 1200 GS Adventure, F 800 GS e F 650 GS verniciate nei colori aziendali BMW Motorrad Motorsport.

BMW Motorrad ha continuato la storia di successo dei modelli GS nell’autunno 2010. Con la BMW G 650 GS, BMW Motorrad ha aggiunto un altro membro interessante alla famiglia BMW GS. Grazie alla sua snella statura off-road, il nuovo enduro monocilindrico sembrava audace, leggero e avventuroso. Allo stesso tempo, si distingue chiaramente dai suoi concorrenti in termini di qualità, attrezzature e comfort. In combinazione con il suo peso relativamente basso e l’altezza del sedile ridotta, è stata la moto d’entrata attraente nel mondo del motociclismo e nell’affascinante mondo dell’esperienza BMW GS.

Il potere GS: motore di nuova concezione con flusso verticale.

Lo sviluppo dinamico del tema BMW GS è proseguito senza sosta nel quarto decennio. Quando BMW Motorrad ha presentato la nuova R 1200 GS a Intermot nell’autunno 2012, l’interesse si è concentrato in particolare sul motore completamente ridisegnato. Il motore bimotore piatto raffreddato ad aria / liquido ha introdotto testate a flusso verticale; da quel momento in poi avevano un cambio integrato e un albero motore sul lato sinistro, integrati dalla tecnologia del telaio all’avanguardia e da sistemi di controllo elettronico come ABS, controllo della trazione o telaio semi-attivo. Con una potenza di 92 kW (125 CV), la nuova R 1200 GS ha anche offerto prestazioni di guida superiori. Appena un anno e mezzo dopo, nel marzo 2014, la 500.000a motocicletta BMW della serie GS con motore boxer uscì dalla catena di montaggio nello stabilimento di Berlino: questa era una R 1200 GS Adventure.

La GS per il segmento di capacità inferiore a 500 cc: la G 310 GS.

Nell’autunno 2016, BMW Motorrad ha presentato l’ennesimo modello GS. Questa volta era la G 310 GS. Ha trasferito le qualità fondamentali di una BMW GS nel segmento di cilindrata inferiore a 500 cc e le ha interpretate nel suo stile. Estremamente compatto, ma completamente cresciuto e confortevole, ha aperto un nuovo mondo di esperienza nel suo segmento ed è diventato unico nel segmento entry-level, soprattutto per la sua versatilità. Con la nuova R 1200 GS, BMW Motorrad ha ampliato il portafoglio GS non solo con ulteriori ottimizzazioni del prodotto, ma anche ampliando la gamma di proprietà della moto. Per la prima volta, i clienti sono stati in grado di dare a una BMW GS un tocco più marcato di enduro o stile distinto per adattarsi alla sua area di utilizzo preferita ordinando i pacchetti di stile Rallye ed Exclusive.

Nello stesso anno entrò in scena un’interpretazione completamente diversa del tema GS: la R nineT Urban G / S. La R nineT Urban G / S ha attinto ai geni della primissima e leggendaria BMW R 80 G / S dell’anno 1980, trasportandoli nell’era moderna con la tecnologia contemporanea sotto forma di una classica motocicletta BMW in stile enduro con boxer motore. Come con gli altri modelli R nineT, è stato installato il potente motore boxer raffreddato ad aria / olio con 81 kW (110 CV) in combinazione con una trasmissione a sei marce.

Nuovo motore, nuovo telaio: i nuovi modelli GS della serie F.

Nel 2017 BMW Motorrad ha continuato a scrivere la storia della GS con i due modelli enduro F 750 GS e F 850 GS completamente riprogettati. BMW Motorrad si è costantemente basato sui punti di forza tipici della GS nei modelli successivi alle motociclette di successo a 2 cilindri F 650 GS, F 700 GS e F 800 GS con l’obiettivo di migliorare ulteriormente le cose buone. Come in precedenza, l’abbreviazione GS rappresentava ancora una sintesi perfetta di turismo e capacità di lunga distanza combinate con dinamica di corsa e prestazioni fuoristrada supreme. In breve: una BMW GS è la compagna perfetta quando si tratta di scoprire angoli remoti del mondo in moto. Al centro del nuovo sviluppo c’era un potente motore a 2 cilindri in linea di nuova concezione con due alberi di bilanciamento e distanza di accensione di 270/450 gradi per caratteristiche di marcia ottimizzate e suono emotivo. Ha generato 57 kW (77 CV) per la F 750 GS e 70 kW (95 CV) per la F 850 GS da 853 cc, fornendo così una potenza di trazione superiore per entrambi i modelli GS.

Ciò significava ancora più potenza, coppia ed efficienza per la grande GS con motore boxer.

Nell’autunno 2018, BMW Motorrad ha nuovamente introdotto un radicale aggiornamento per il motore boxer dei grandi modelli GS, al fine di migliorare ulteriormente la potenza e il rendimento della coppia, nonché ridurre il consumo di carburante e i valori di emissione. A tale scopo, la tecnologia BMW ShiftCam è stata utilizzata per la prima volta nella produzione in serie di motori BMW Motorrad: ciò ha permesso di variare i tempi e la corsa delle valvole sul lato di aspirazione. Inoltre, gli alberi a camme di aspirazione sono stati progettati per l’apertura asincrona delle due valvole di aspirazione, con conseguente turbinio migliorato della miscela fresca in entrata e quindi combustione più efficace. Altre modifiche tecniche al motore legate alla trasmissione dell’albero a camme – ora gestite da una catena dentata (precedentemente una catena a rulli) – fornitura di olio ottimizzata, valvole di iniezione a doppio getto e un nuovo sistema di scarico.

Comunicato stampa: BMW Motorrad

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >