BETA presenta la nuova RR RACING MY 2019

Arriva sul mercato la RR Racing my 2019, la versione pronto gara della gamma Enduro Beta presentata a giugno.

Come di consueto, la versione Racing presenta tutte quelle caratteristiche tecniche che hanno permesso a Steve Holcombe – pilota ufficiale del Team Beta Factory – di conquistare nel 2017 il Titolo di Campione del Mondo Enduro GP ed a Beta quello di Campione del Mondo Costruttori, sempre Enduro GP.

A partire da questa stagione la famiglia Racing si arricchisce di un nuovo modello – la RR Racing 125 2T – per un totale di 7 versioni: 125, 250 e 300 cc 2T e 350, 390, 430 e 480 cc 4T.

Come detto, numerosi sono gli accorgimenti apportati su questi modelli che permettono una riduzione del peso oltre ad una maggiore praticità durante le varie situazioni di gara in cui ogni pilota può imbattersi.

Le caratteristiche che differenziano la gamma RR Racing My 2019 dalle rispettive versioni standard sono:

Ciclistica
Gli ingegneri Beta si sono concentrati sullo sviluppo di un setting di alto livello sia sulla sospensione anteriore che posteriore, introducendo in particolare:

  • Forcella ZF a cartuccia chiusa da ø 48 mm con fodero dalla nuova anodizzazione:più rigida e resistente all’usura che ne migliora la scorrevolezza.
  • Ammortizzatore ZF da ø 46 mm con nuova taratura che permette un setting ulteriormente affinato per sfruttare al meglio le caratteristiche del nuovo telaio in condizioni di gara.
  • Piastre sterzo anodizzate nere.

Premix
In perfetto stile racing la gamma 2T non è dotata di miscelatore automatico necessitando quindi del pre-mix dell’olio e benzina. Il reparto R&D Beta ha dunque esaudito i desideri dei piloti che richiedono moto sempre più leggere decidendo di rimuovere questo componente per ridurre al minimo il peso del mezzo.

Componentistica speciale

Non mancano poi tutti quegli accorgimenti estetici e pratici di una vera moto Racing:

  • Perno ruota anteriore ad estrazione rapida: velocizza le operazioni di riparazione dello pneumatico ed è utilissimo in gara per risparmiare secondi preziosi.
  • Paramani Vertigo: design moderno, struttura robusta e grafica “In Mould”; l’ideale nella guida più estrema in fuoristrada.
  • Pedane poggiapiedi in ergal nere: leggere e robuste, con una più ampia superficie di appoggio e piolini in acciaio per garantire il massimo grip in ogni condizione, oltre ad una lunga durata nel tempo.
  • Corona con anima in alluminio anodizzato e dentatura in acciaio: per condensare al massimo le caratteristiche di leggerezza e durata.
  • Tendicatena in ergal rossi.
  • Sella racing con taschino portadocumenti.
  • Leva cambio e pedale freno posteriore anodizzati neri.
  • Tappo olio cambio, tappo olio motore e tappo filtro olio in alluminio anodizzato rosso.
  • Grafiche Racing ed adesivi cerchi rossi.

RR Racing 125 cc 2T
La RR Racing 125 cc 2T merita un capitolo a sé perché, oltre a tutto quanto riportato sopra, vanta una taratura delle sospensioni espressamente dedicata a questa cilindrata ed una nuova configurazione del motore.

Grazie a:

  • Nuovo cilindro, con luce di scarico e diagrammi modificati.
  • Nuova flangia di scarico.
  • Nuovo sistema della valvola di scarico e nuovi booster.
  • Nuovo coperchio frizione con sistema di spurgo aria per l’azionamento della frizione modificato, posizionamento tappo immissione olio modificato.
  • Nuova unità centrifuga.
  • Nuova espansione.

è stata ottenuta un’erogazione decisamente più corposa ai bassi rpm ma anche un maggiore allungo agli alti, a tutto vantaggio di una performance incrementata a tutti i regimi di rotazione ed un’erogazione più lineare e gestibile. Il range di utilizzo viene così notevolmente ampliato, rappresentando una caratteristica di notevole importanza per un motore di piccola cubatura.

Disponibilità
Ottobre. 

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >