BELLISSIMA VITTORIA DI THOMAS OLDRATIALLA PRIMA DEGLI ASSOLUTI D’ITALIA

Una stagione che si prospetta ricca di emozioni.
Sabato 2 e domenica 3 marzo ha ufficialmente preso il via la stagione 2019 dell’enduro tricolore con una due giorni tutta da incorniciare. Teatro della prova di apertura è stata la cittadina di Gioia dei Marsi (AQ), sugli Ap-pennini del centro Italia, al confine tra l’Abruzzo e il Lazio.Arrivato a questa prova con i migliori presupposti e con la consapevolezza di poter essere tra i grandi protagoni-sti, Honda Racing RedMoto World Enduro Team ha vissuto due intense giornate di gara raccogliendo importanti risultati. Nella classe 250 4T straordinaria prova di Thomas Oldrati: dopo aver concluso la prima giornata di gara in se-conda posizione ad un passo da Cavallo per qualche errore nel Cross test, domenica ha fatto sua una bellissima vittoria. Ma non è tutto, perché Oldrati ha anche ottenuto due fantastiche top ten della classifica Assoluta con l’ottava posizione del sabato, ma soprattutto la quinta della domenica. Un successo voluto, meritato, sognato, che apre le danze ad una stagione che si prospetta davvero emozionante.Nella classifica riservata agli stranieri, invece, Christophe Charlier ha costantemente lottato per il podio chiu-dendo entrambe le giornate di gara in quarta posizione e facendo sue anche la quinta e la sesta piazza dell’As-soluta.Carica di questi ottimi risultati e consapevole di poter dare il massimo anche nel Mondiale, la squadra si prepa-ra ora per il GP di Germania, in programma il weekend del 23-24 marzo a Dahlen.

Christophe Charlier #23
CRF 450RX Enduro
“Prima gara positiva. Sicuramente c’è ancora da lavorare, ma la velocità era buona e sono riuscito a conclu-dere entrambe le giornate ad un passo dal podio. Sabato sono partito male e ho dovuto correre una gara in rimonta, mentre domenica stavo facendo una buona gara ma ho fatto qualche errore nell’ultimo cross test. Peccato! Ma queste sono le gare ed è tutta esperienza”

Thomas Oldrati #22
CRF 250RX Enduro
“È solo un mese che riesco ad allenarmi bene dopo un inverno un po’ particolare tra tendinite e lussazione alla spalla. Con la moto nuova c’è sempre un po’ di ansia, ma questa prima gara tricolore è andata veramen-te bene. Peccato per il cross test che è sempre un po’ il mio tallone d’Achille, ma nelle altre ero veloce e ho spinto forte. Sono molto contento della vittoria perché l’anno scorso non c’ero riuscito e anche del risultato nell’assoluta. Grazie a tutto il team e alle Fiamme Oro”.

Matteo Boffelli
Team Manager
“Siamo contenti di come siamo partiti. Thomas ha conquistato due straordinari podi e anche Christophe ha dimostrato di poter essere grandi protagonisti di questa stagione. C’è la velocità, la concentrazione, la guida. Siamo nelle prime posizioni anche dell’Assoluta e questo è molto importante. Abbiamo lavorato bene durante l’inverno e questo è il giusto frutto del nostro impegno”.

Tullio Pellegrinelli
Coordinatore tecnico
“Campionato tutto da scoprire con tante sfide! Charlier è andato forte e si è giocato il podio sia di classe che dell’assoluta: peccato per un paio di errori in entrambe le giornate di gara. Thomas è stato velocissi-mo: è andato forte nella linea e nell’estrema, portando a casa una bellissima vittoria. Siamo in forma per affrontare anche la sfida Mondiale”.

Honda Racing RedMoto World Enduro Team

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >