ARAI TOUR-X 4 DEPART BLUE METALLIC

Arai Tour-X 4 è uno dei caschi più versatili mai creati, senza rinunciare alla sicurezza, qualità, comfort e durata di Arai.
L’originale oggi più imitato, ma mai eguagliato del segmento maxi-enduro. Non tutti sanno che fu Arai ad inventare e poi introdurre in commercio questa tipologia di caschi già nel 1992: antesignano dell’attuale Tour-X, oggi alla quarta evoluzione, Arai presentò ed introdusse il “Dual Sport”: con insite tutte le caratteristiche dei migliori integrali Arai, unite alle altrettante dei suoi proverbiali ed aventi fatto scuola nel mondo, caschi da motocross ed enduro. Basti pensare che tolta la visiera trasparente, Greg Albertyn proprio col Dual Sport conquistò il titolo mondiale 250cc di motocross (Honda-1993).
Senza frontino, col suo look aggressivo ed originale, ha conquistato decine di copertine in testa ai giornalisti più famosi del mondo, utilizzato in molti film od in servizi di moda su prestigiose riviste internazionali.
Come ogni Arai anche il Tour-X4 gode di tutte le esclusive mondiali di ogni altro modello Arai. Avventura, grand touring o fuoristrada, con o senza frontino parasole è l’ideale e scelto anche per l’utilizzo su strada e lunghi viaggi! Qualunque sia la condizione di guida, Tour-X 4 è pronto a tutto.
Può essere utilizzato senza visiera con occhiali, senza frontino con visiera, o in qualsiasi altro modo preferiate. Tre caschi in uno e fai parte della Famiglia Arai.


Presso tutti i rivenditori autorizzati ARAI-BER e su berstores.com

Comunicato stampa: BER

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >