AFRICA ECO RACE 2019 4ª TAPPA ASSA / FORT CHARAL

Vediamo invece come va Simone Agazzi in sella alla Honda CRF 450 Rally RS Moto Limited

492 chilometri di Settore Selettivo davvero Insidiosi, come anticipato ai Media ed ai concorrenti dagli organizzatori , percorsi dai piloti con una media elevatissima con punte di velocità superiori ai 155 km/ora hanno caratterizzato la 4a tappa della 11a edizione di questa Africa Eco Race 2019.

Simone Agazzi che partiva dalla terza posizione della classifica Generale , Affrontava la Speciale subito con decisione, In sella alla Honda CRF 450 Rally RS Moto Limited, per confermare la sua performance delle tappe precedenti ma un piccolo errore di navigazione, dovuto ad una nota male interpretata, gli faceva perdere tempo prezioso, costringendolo a percorrere più km del dovuto.

Simone con la tenacia che lo contraddistingue recuperava parte del tempo perduto ma subito dopo Il refueling di metà Speciale un problema alla trasmissione che verrà valutato al rientro al bivacco stasera ne vanificava lo sforzo e lo costringeva alla perdita di tempo ulteriore.

Simone chiudeva quindi la Tappa In decima posizione riuscendo però a mantenere ancora Intatta la terza della Generale con un vantaggio di quattro minuti . Un’Inezia In confronto ai minuti che dovranno ancora accumulare I piloti prima di arrivare al Lago Rosa di Dakar ma Importanti per cominciare a rendersi conto se conviene Inseguire Il secondo posto oppure salvaguardare Il podio.

Domani penultima Tappa In Marocco, prima della meritata giornata di riposo sulle rive dell’Oceano Atlantico a Dakhla , ma I 419km della Speciale Oued Hamra / Jreififa uniti ai 214 di trasferimento saranno tutt’altro che una passeggiata.

Forza Simo Focus on third place !
Press Office RS Moto Rally Team

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >