Accessori SW-Motech

Solidi – belli – efficaci

Non è la prima volta che abbiamo il  piacere di testare gli accessori della Sw-Motech e, ogni volta, abbiamo la conferma della qualità e della bontà dei prodotti dalla casa del “toro rosso”! 

SW-Motech è nata in Germania quasi 25 anni fa dalla passione di tre amici motociclisti, che sono stati capaci di creare un’azienda leader nella produzione di accessori da viaggio

Leader non solo per i volumi di vendita, quanto più per l’attenzione alla qualità costruttiva e soprattutto a una essenzialità e facilità di utilizzo che, solo chi realmente usa la moto nei viaggi on/off, sa davvero capire e progettare.

SW-Motech produce accessori dedicati alle più importanti aziende motociclistiche, in modo specifico alle case delle moderne Maxi Enduro, oggi regine del mercato! 

Quello che da sempre ci è piaciuto dei prodotti della SW-Motech, è in primo luogo la loro facilità di montaggio. Cosa affatto scontata, perché quando si parla di “after market” spesso ci troviamo di fronte ad accessori che, anche se di ottima fattura, non corrispondono agli attacchi originali, oppure devono essere in qualche modo adattati, o che comunque molto spesso non si integrano perfettamente con la linea e la “sintonia costruttiva” della moto stessa.

Il punto di volta Motech

La carta vincente dei prodotti SW-Motech è proprio questa: aver creato accessori veramente funzionali e, soprattutto, averli realizzati con cura e precisione maniacale, tanto che sembra di avere a disposizione componenti nati e progettati dalla casa madre. 

Il test

Scendendo in dettaglio, abbiamo allestito per questo test una KTM 1290R con una serie di accessori da viaggio adventouring e una Cafè Racer su Base Moto Guzzi California sulla quale abbiamo applicato gli accessori della linea “vintage” denominati Legend Gear. 

La parte più “ingombrante” e apparentemente complicata da installare è rappresentata dal set borse, in particolare dal bauletto in alluminio “TRAX ION” con portapacchi ADVENTURE-RACK e il kit borse laterali morbide SysBag WP L Completo di doppio Telaio laterale PRO e piatti adattatori, 2 SysBag WP L,  tra l’altro compatibili con il sistema RotopaX (sistema di attacco per accessori sulle piastre).

A prima vista si rimane spiazzati dalla quantità di pezzi, viti e parti varie, rendendosi conto subito dopo che ogni componente è perfettamente catalogato e corredato di una guida di montaggio chiara e precisa.

In questo modo, seguendo le fasi di installazione, in pochi minuti si allestiscono telaio e piastre di attacco che si abbinano alla perfezione con i fori esistenti, senza bisogno di forzare minimamente per trovare una corrispondenza.

Tutto entra perfettamente nei supporti, grazie a meccanismi di aggancio/sgancio rapido ben congegnati e scorrevoli, con “chicche” ingegneristiche, quali a esempio, il sistema “Quick lock” (brevetto esclusivo SW -Motech) che permette di smontare i telai portaborse letteralmente in quattro mosse, così da riporli quando non si usano le borse ed evitare di lasciare telai a sbalzo che molto spesso non sono esteticamente gradevoli.

Altro elemento che colpisce è la qualità del taglio delle parti in metallo (fatte con taglio laser), le saldature ben curate e la verniciature a polvere, che oltre a essere molto bella esteticamente, ha doti di robustezza molto elevate.

Un vero capolavoro la piastra di attacco del bauletto. Con il logo della SW-Motech intagliato e con le curvature e un’ergonomia così ben integrata che risulta ancor più bella dell’originale…

Il kit di supporto per cellulare si monta con un attacco a snodo molto pratico e super regolabile, la borsa serbatoio ha i classici attacchi a cinghia dotata di sganci rapidi, mentre particolare menzione meritano le pedane regolabili EVO.

Realizzate in robusto alluminio, pluri-regolabili in altezza e in inclinazione (attraverso un eccentrico),    dotate di gusci in gomma anti vibrazioni asportabili e con una superficie di appoggio superiore a quelle originali. Come per i kit borse, il montaggio è un perfetto “plug & play”. Semplice e veloce!

La qualità e la funzionalità l’abbiamo toccata con mano nell’uso stradale e fuoristradistico

Questi i punti di forza: 

  • velocità di attacco sui supporti, grazie a guide scorrevoli a “pronta presa” e meccanismi di aggancio e sgancio solidi e fluidi;
  • qualità e robustezza dei materiali, molto resistenti a urti e agenti esterni;
  • capienza di carico elevata;
  • impermeabilità totale e protezione da sporco e polvere sia delle borse morbide regolabili, sia del bauletto posteriore;
  • praticità d’uso della borsa serbatoio “PRO Enduro”, dotata di cerniere molto scorrevoli, vano capiente, guscio superiore rigido e tasche laterali porta oggetti  

Altro punto di forza, riscontrato nell’utilizzo in off road, è la totale assenza di “gioco” e di vibrazioni sia delle borse che del bauletto. Le borse laterali sono assicurate al telaio anche da una piastra rigida posta sulla parte posteriore dove sono ancorati gli attacchi. Ciò esclude totalmente quelle fastidiose oscillazioni che penalizzano durante la guida; tutto risulta compatto e saldo, tanto che quasi ci si dimentica di avere un kit completo di borse da viaggio!

Di grande impatto estetico, oltre che qualitativo, è la linea Legend Gear, studiata appositamente per equipaggiare le Cafè Racer e le Scrambler, senza rinunciare a quel tocco di stile che su moto del genere è necessario mantenere. I materiali utilizzati sono quelli degli altri accessori SW-Motech, compreso il robustissimo e intaccabile Nylon Balistico con il quale sono realizzate le borse e gli accessori. 

Abbiamo testato la borsa serbatoio LT2, la borsa posteriore da sella LR2 e la pratica borsa posteriore LR1  che si trasforma in uno comodo zaino

Oggetti curatissimi, eleganti e ben progettati, come la chiusura a “gancio” in alluminio che regala quel tocco “vintage” in perfetta sintonia con lo stile della linea Legend. 

Come detto in apertura, SW-Motech è una conferma e una garanzia di qualità, e come sempre ci colpisce per la cura costruttiva e anche, elemento non secondario, nella cura estetica dei prodotti, che sono molto belli da vedere e da toccare!

Non ultimo, un rapporto qualità prezzo ottimo, considerando il tipo di oggetto che si va ad acquistare! 

Quindi buon viaggio a tutti, e buona navigazione all’interno del sito e-commerce che è strapieno di oggetti e accessori per tutti i gusti, per tutte le moto e per tutte le situazioni di Avventura!!

Cosa ci è piaciuto

  • Qualità costruttiva
  • Facilità di montaggio
  • Facilità di utilizzo
  • Estetica 

Cosa non ci è piaciuto

  • Unico problema riscontrato, la perdita  del Cuscinetto rimovibile in gomma rinforzata pedana sinistra. 

Testo e tester: Edoardo Tommassini
Foto e video: B.K. Produzione

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >