Oggi parliamo di “ventilazione”

L’abbigliamento moderno per affrontare viaggi, è costituito sempre più da materiali ricercati, protezioni che si induriscono con l’impatto, vari strati che ne permettono l’utilizzo a temperature sempre più basse e in condizioni climatiche avverse. Altro fattore molto importante che incide sulla scelta del miglior equipaggiamento, è la possibilità di ventilare il nostro corpo durante la stagione estiva. Per viaggiare in sicurezza dobbiamo sempre vestirci con capi tecnici adeguati, ma sarà capitato anche a voi di ritrovarvi in autostrada con il sole che vi ha preso di mira e l’asfalto che sprigiona folate di calore a 50 gradi, tutti belli imbacuccati e completamente bagnati di sudore. Come combattere questo disagio senza precludere la sicurezza?
Al giorno d’oggi le tasche di molti non permettono di acquistare capi di abbigliamento per ogni stagionalità ma siamo sempre più indirizzati alla ricerca della tuta che permetta l’utilizzo 365 giorni l’anno.
Tutte le aziende oramai propongono indumenti che prevedono un minimo di aereazione per permettere ad un flusso d’aria di circolare di raffreddare il pilota. La nostra curiosità ci ha portato ad approfondire l’argomento con Riccardo Marchetto, uno dei titolari di CLOVER perché’ sfogliando un Loro catalogo abbiamo scoperto che nel 1986 avevano già preso a cuore questa tematica sviluppandola negli anni.
Abbiamo realizzato questo video per cercare di illustrarvi l’evoluzione e lo studio dei vari sistemi di ventilazione adottati nell’abbigliamento specialistico in questi ultimi 30 anni.
Buona visione!

https://youtu.be/zZCuyfppBDw

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >