LA RIAPERTURA DI CARAVANSERRAGLIO FRA PILOTI, APPASSIONATI, MANAGER E SPONSOR CON LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ROAD TO DAKAR DI LORENZO PIOLINI

Una piccola, grande, festa per chiudere il ciclo delle virtual press conference a Caravanserraglio. E’ quella che è andata in scena venerdì scorso, in via Villoresi, a Milano, con un Caravanserraglio frequentato per l’occasione unicamente da appassionati, piloti, manager e sponsor.
Una diretta di poco meno di un’ora dalla pagina Facebook di Caravanserraglio e una simpatica chiacchierata, non solo con il padrone di casa, Lorenzo Piolini, ma anche con altri due piloti che esattamente come Lorenzo vorrebbero affrontare nel gennaio 2021 la loro prima Dakar: Tiziano Internò e Luca Marinone.
Gli allenamenti, la moto – Ktm 450 Rally – svelata finalmente in tutti i suoi dettagli e presentata agli occhi di ognuno, le gare propedeutiche, i timori, la preparazione: questi gli argomenti al centro del LIVE a cui ha partecipato da Santhià anche Oscar Polli, impegnato proprio in una sessione di allenamenti. Il coach di Piolini ha sottolineato ancora l’importanza e le difficoltà che una gara come la Dakar comporta, precisando come il continuo annullamento delle gare a causa della pandemia di Covid_19 non stia certo aiutando i piloti. Ultima, in ordine di tempo, la prova in Sud Africa, il Kalahari Rally, cancellato dagli organizzatori per le troppe incertezze che avevano inevitabilmente causato un abbassamento del numero degli iscritti.
Una brutta notizia che davvero non ci voleva: concentrarsi, infatti, sugli allenamenti nel corso di una gara, con tempi, classifiche, ma anche impegno mentale, è ben diverso che farlo nel corso di un weekend oppure di una settimana di training: “le gare sono importanti e questo periodo così difficile non gioca a nostro favore – hanno detto sia Piolini, sia Polli. – Affronteremo più avanti una settimana di preparazione in Tunisia, sulle dune del deserto, ma misurarsi con una gara è ben altra cosa, e lo sappiamo bene”.
E il coach aggiunge: “Faremo delle simulazioni, per testare la resistenza di Lorenzo in sella, in condizioni difficili, e poi vorrei anche portarlo a fare qualche gara in Italia, sempre per mantenerlo in allenamento, magari un motorally. Di sicuro ora tutte le nostre speranze e non solo nostre, ma quelle di tutti i piloti praticamente orfani di una stagione agonistica a livello di rally raid, sono riposte nel Rallye du Maroc, a cui spero che Lorenzo Piolini partecipi”.
Unica gara rimasta in lizza per la Road to Dakar, la serie di gare propedeutiche alla Dakar che da quattro si sono ridotte a una, il Rally in Marocco si dovrebbe svolgere dal 9 al 14 ottobre ma anche in questo caso i timori di un rinvio o di una cancellazione sono costantemente in agguato.
Altra gara possibile, e utile per l’allenamento, ma difficile soprattutto per il periodo dello svolgimento, potrebbe essere l’Abu Dhabi Desert Challenge prevista per fine novembre, ma parteciparvi equivarrebbe a un grossissimo rischio perchè se dovesse accadere qualche cosa alla moto, o al pilota, non ci sarebbe più il tempo per rimettere ogni cosa a posto per la Dakar 2021 che inizierà, con le verifiche, il primo gennaio.

CARAVANSERRAGLIO

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

TORNA IL CHALLENGE ENDURO HUSQVARNA UNDER 23/SENIOR 2024

Il prossimo 3 marzo, ad Arrone (TR), prenderà il via l’edizione 2024 del Campionato Italiano Enduro Under 23 & Senior. All’interno di questo importante contesto, Husqvarna Motorcycles organizza un esclusivo Challenge riservato a tutti coloro che competono in sella a un modello della gamma enduro Husqvarna TE o FE, con ranking superiore a 130.

Leggi di più >