24MX

Il mio Enduro

Come etichettereste l’enduro? Avete mai pensato a come descrivereste l’enduro dovendolo spiegare a un “non addetto ai lavori”?
L’enduro è Sam Sunderland che corre in carena sul salar d’Uyuni, Paolo Ceci che galleggia a pieno gas sui plateau sabbiosi della Mauritania all’Africa Eco Race, ma è anche Jarvis che in punta di piedi sale in equilibrio precario tra i sassi di una salita impossibile o il nostro Salvini che sfiora gli alberi con i paramani durante una speciale nel bosco!
Certo che l’enduro è tutto questo (e scusate se è poco già così!), ma io ritengo di fare enduro da 15 anni senza aver mai fatto tutte queste cose, perché l’enduro è anche il giro della domenica, ognuno con il suo passo e le sue capacità, un giro che si svolge tra la mulattiera e il tavolino del pranzo con i compagni.
È difficile categorizzare la nostra disciplina… e sfido io! Non ha né piste recintate né recinti anagrafici, ognuno di noi ha quel compagno con i capelli bianchi che va ancora forte, ognuno di noi a una cavalcata ha incontrato il partecipante sui settanta che se ne frega dell’artrosi dei suoi coetanei e la cura con altri tipi di fanghi ultra-terapeutici.
Dietro le competizioni c’è un esercito di persone che se ne fregano del cronometro perché, nell’enduro, ognuno sceglie la propria andatura senza ansia da prestazione: sei allenato? Corri! Non lo sei ma ti ricordi comunque come andar forte? Tiri finché hai le braccia e poi rallenti!
È l’unica disciplina motoristica dove ognuno sceglie il suo passo senza essere costretto ad andare sempre a fuoco per evitare di essere preso in giro se non chiudi quel doppio o se non strusci il gomito in curva.
Pensateci, è la ricetta della longevità ed è quello che ci porta a creare dei gruppi dannatamente eterogenei in cui convivono lo smanettone che salta su ogni radice e quello che semplicemente la domenica fugge dalla moglie e usa la moto come scusa.
Io vivo la mia passione in un gruppo del genere, in cui da anni stanno insieme chi allena il polso da fettucciato e chi quello da fettuccine.

Forse è un gruppo sui generis, non ci siamo mai legati ufficialmente, mai etichettati, non c’è un Moto Club alle spalle, non c’è una tessera o una licenza; l’unica cosa che c’è è un bar di ritrovo la domenica e un messaggio di convocazione puntuale il Venerdì. Per quindici anni un gruppo di più d’una decina di persone, tutte con andature diversissime, si è aspettato ai bivi, si è aiutato in mulattiera e si è ammazzato dalle risate nei boschi del centro Italia, come quella volta che in fondo a una discesa bella lunga e impegnativa ci siamo fermati ad aspettare Luca. Dopo qualche minuto lo vediamo uscire dal bosco con la sua andatura paciosa, inconsapevole di una cartuccia infilata tra il casco e la visiera parasole, chiaramente rimasta incastrata involontariamente in un’innocua scivolata. Al suo arrivo iniziò il dibattito: “Luca tutto OK? Sei caduto vero?” “Chi io? ASSOLUTAMENTE NO!” “E allora occhio che hanno aperto la caccia!” La sua faccia rimase interdetta di fronte alle nostre risate e alla nostra risposta, fino al ristorante quando si tolse il casco e capì, iniziando ad apostrofarci in malo modo e suggerendoci una serie di mete per i nostri viaggi futuri! In questi quindici anni, con il nostro passaggio, abbiamo manutenuto senza neanche accorgercene, una fitta ragnatela di sentieri che collegano paesi, ristoranti e “belvederi”. E solo noi, come enduristi, potevamo farlo; dove le montagne non sono “di marca” come dalle mie parti, dove non si chiamano Col di Tenda o Dolomiti non c’è il C.A.I. che le mantenga, non ci sono cartine e sentieri ufficiali per le strade dei boschi; gli unici utenti e custodi di certe zone spesso siamo solo noi enduristi. Le mulattiere e le piste sono quelle dei nostri nonni, giunte con il passaparola! Farle chiudere vuol dire impoverire il territorio, ed anche gli animali che le percorrevano e non le troveranno più! Questa è un’altra, l’ennesima, sfaccettatura di una disciplina sportiva senza confini e sempre più difficilmente categorizzabile!

Testo e foto: Dario Lupini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

1000 Sassi 2024

1000 SASSI 2024 – Divertimento per tutti!

Partiamo dal presentare ai pochi che ancora non la conoscessero, cosa è la 1000 Sassi. Un evento di moto turismo adventuring su sterrate belle e panoramiche, con un basso grado di difficoltà e quindi affrontabile senza particolare impegno anche da neofiti di offroad. Un aspetto non di poco conto. Eventi disseminati per il territorio italiano ne vengono organizzati molti, ma spesso richiedono già una buona esperienza di guida in fuoristrada.

Leggi di più >
Insta 360 GO3s

Ti presentiamo Insta360 GO 3S, la videocamera pronta a catturare ogni momento in 4K

Insta360 è fiera di annunciare al mondo intero l’arrivo di una nuova videocamera della serie GO: Insta360 GO 3S. Questa videocamera dalle dimensioni di un pollice riporta la forma e le dimensioni della sua versione precedente, ma offre diversi aggiornamenti chiave, in particolare la straordinaria risoluzione video in 4K. Tra gli altri aggiornamenti, troviamo la modalità Video a Intervalli per riprese a mani libere, la compatibilità con Apple Find My per localizzare velocemente la videocamera, l’impermeabilità fino a 10 m di profondità, accessori migliorati e molto altro ancora.

Leggi di più >