GTS-4 WP AIRBAG

La giacca tecnica che ti fa respirare… liberamente

Sì, perché le maggiori novità, al di fuori di quelle evidenti come una maggior ventilazione e l’aumentata capacità di carico, stanno sotto la pelle o meglio il tessuto. Stiamo parlando della nuova CLOVER GTS, in anteprima a EICMA, prestigioso capo giunto alla sua 4° versione, chiamato dall’azienda a riportare in primo piano i suoi concetti cardine: innovazione e continuità. 

Apprezzata e indossata da moltissimi motoviaggiatori, collaudata nel corso di ben tre giri del mondo… la giacca touring GTS in versione “4” si presenta al pubblico del Salone di Milano, in versione uomo e donna, con un pregiato aggiornamento alla linea, senza però stravolgerla, e con l’introduzione di nuovi e rivoluzionari concetti tecnici. In gamma anche il pantalone dedicato “GTS-4 Pants”.
Il capo è un tre strati tradizionale, ma il tessuto più esterno è qui accoppiato a una membrana che riduce enormemente la penetrazione d’acqua, normalmente bloccata soltanto dal layer waterproof interno removibile. In altre parole, Clover ha reso il tessuto esterno impermeabile.
Anche sotto il più forte acquazzone la giacca mantiene asciutta una buona parte della membrana sottostante, vera barriera all’acqua, andando ad alleggerire il suo carico di lavoro e soprattutto a impedire che questa sia completamente ricoperta d’acqua.
Situazione che porta alla chiusura dei suoi pori da cui fuoriesce il sudore e quindi all’inefficacia della membrana come elemento di traspirazione proprio nel momento in cui è più sentita la necessità di sentirsi asciutti e a proprio agio. 
Ci sono altri fattori positivi conseguenti all’adozione di questo nuovo tessuto esterno: non assorbendo l’acqua, tende ad asciugarsi ancor più velocemente e soprattutto raggiunge una morbidezza mai incontrata su un capo di questo livello di sicurezza. 
Le novità legate alla costruzione della GTS-4 non sono finite qui: la parte termica interna è ora staccabile e una volta rigirata può essere utilizzata indipendentemente come un piumino sintetico da passeggio, ottimo per uscite serali dopo la giornata in moto. 

È importante evidenziare che tutte queste innovazioni, frutto di due anni di ricerca, non vanno a incrementare il costo della giacca che rimane invariato rispetto alla versione precedente. 


Prezzo al pubblico:  439.99 EURO


Uno sforzo apprezzabile, che punta ad allargare l’utilizzo di capi di altissima sicurezza (ricordiamo la predisposizione per il sistema Airbag) e comfort a un pubblico, compreso quello femminile, sempre più vasto. 


SCHEDA TECNICA 
Caratteristiche generali – Giacca touring , tecnica a lungo raggio 100% impermeabile. Certificazione CE: prEN 17092: 2017, livello “AA”. Tessuti esterni: Duratek-8 2-LAYER” , “Duratek-4 Ripstop”. Trattamento idrorepellente su tessuti esterni. Giubbotto termico indipendente (removibile). Membrana impermeabile “Aquazone +” (removibile). Protezioni: “CE” estraibili su spalle e gomiti di Livello 2. Predisposizione per sistema AIRBAG CE EN 1621-4 di livello 2 e per protezione schiena CE di livello 1 o 2. Inserti in tessuto “Ripstop” su aree di impatto. Inserti rifrangenti laminati frontali, laterali e posteriori. Regolazioni: volume braccio, avambraccio, torace, vita tramite tiranti. Volume polso e fondo giacca tramite doppio flap a Velcro.  Comfort: 2 pannelli di ventilazione regolabili su torace, 2 ZIP di ventilazione su maniche, un pannello di ventilazione regolabile su schiena. 2 tasche frontali convertibili a ventilazione, 2 tasche inferiori 100% impermeabili, 3 tasche interne, un tascone posteriore. Regolatore collo a 5 posizioni. Ventilazione forzata su collo. ZIP di connessione giacca-pantalone. Colori: Nero; Grigio/giallo fluo; Nero/Grigio; Blu/Grigio; Nero/Sabbia. Taglie: da S a 4XL.

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >