FORKSAVER – “CALZE” PER LE FORCELLE

Se esiste una spesa alla quale i motociclisti, in particolare i fuoristradisti, destinano gran parte delle risorse economiche per il corretto setup della moto, è sicuramente quella destinata alle sospensioni.

Infatti, aldilà delle potenze specifiche e dell’erogazione del motore, una buona regolazione delle sospensioni contribuisce a rendere più facile e più soddisfacente la sfida con gli ostacoli naturali che si presentano nell’arco delle nostre uscite in off, ma non basta il solo setup. Infatti per mantenere nel tempo in costante efficacia il funzionamento delle sospensioni, è necessario effettuare una ricorrente manutenzione delle stesse, in particolar modo delle forcelle che, come noto, sono esposte a raccogliere sporcizia, polvere e fango più del mono posteriore, quindi a portare all’interno le particelle più piccole di sporco compromettendo man mano l’efficacia dell’idraulica e della scorrevolezza, nonché la tenuta e la durata dei paraolio.

Allo scopo sono state ideate le c.d. “calze” per le forcelle, in pratica dei tubolari di materiale vario ( i più noti sono quelli in neoprene) che, ricoprendo lo stelo, creano una barriera più o meno efficiente contro agenti e corpi estranei.

Da poco presente sul mercato un nuovo prodotto ideato da Forksaver ®, un brand italiano che fa del made in Italy uno dei suoi punti di forza e che ha immesso sul mercato un nuovo sistema di protezione degli steli forcella. Anche in questo caso si tratta di un tubo, solo che il materiale con il quale è prodotto non è il solito neoprene, bensì un composto pregiato ed altamente tecnologico, frutto anche dell’esperienza militare, disponibile in diversi colori e dotato di un sistema di fissaggio del tutto nuovo e pratico nell’uso.

Ma quali sono le differenze con quelli tradizionali in neoprene? La prima sensazione è quella della pulizia: qualsiasi tipo di corpo estraneo solido o liquido e, specialmente oleoso, non si attacca alla protezione rimanendo sempre bella pulita anche dopo un passaggio in una buca piena di acqua e fango. In tale ottica le protezioni Forksaver ® sono state testate nelle più estreme condizioni di utilizzo: dal fango alla polvere, alla sabbia e in tutte le richiamate situazioni le forks protection hanno dato un risultato più che positivo, offrendo un’adeguata protezione dallo sporco, soprattutto al termine della prova su sabbia.

L’altra differenza la si apprezza nelle operazioni di ordinaria manutenzione che permette di effettuare una completa pulizia dello stelo senza dover smontare l’intera forcella o cimentarsi in laboriose rimozioni. Infatti le protezioni Forksaver ® sono dotate superiormente di un polsino elastico, che al suo interno riporta 5 strisce in silicone antisdrucciolo aiutando così a mantenere un buon grip sul fodero , mentre al piede inferiore un o-ring professionale calibrato, provvede al fissaggio. Basta, quindi, rimuovere semplicemente i due anelli per far scorrere in alto o in basso le due calze e provvedere all’ispezione, al lavaggio ed alla periodica lieve lubrificazione degli steli: un lavoro che si può fare anche con il vestito della festa.

Inoltre, non essendo aderenti allo stelo, le protezioni “scrubbano” e non interferiscono minimamente con le capacità di scorrevolezza del medesimo.

Insomma, un buon prodotto ed un utile accessorio cui dotare la nostra moto e per salvaguardare la durata e l’efficienza delle sospensioni che, proprio in virtù della qualità, viene utilizzato in gara da piloti di prima fascia quali gli Italiani,  Mondiali, Gare estreme Dakar ecc. ecc. Alcuni di questi: Gianpiero Findanno, Giorgio Alberti, Philipp Schneider, Fabio Fasola, Team Husqvarna Sweden Jesper Börjesson, Stefano Passeri, Mario Rinaldi, Michele Bosi, Enrico Rinaldi e tantissimi altri campioni.

Per avere più informazioni e contattare direttamente il produttore, che peraltro è persona molto disponibile, basta digitare:  www.forksaver.com  . Tramite il negozio e-commerce è possibile anche acquistare il prodotto direttamente : http://shop.forksaver.it

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >