ADVENTOUR DELL’ALTA VAL CAMONICA

Sulle strade sterrate montane in alta quota
alla scoperta delle splendide valli intorno a Ponte di Legno

Un giro inedito ed esclusivo aperto alle moto solo in questo week-end

Nell’ambito della prima edizione del HAT Ponte di Legno Adventourfest che si terrà dal 17-18 giugno 2023, l’associazione OVER2000RIDERS organizza un tour inedito ed esclusivo riservato a motociclisti che voglionoscoprireipaesaggielabellezzadellevallidell’AltaValCamonica. Ineditoperchénonèmaistato organizzato un tour del genere in questa zona montana. Esclusivo perché autorizzato dalla amministrazione locale solo in occasione di questa manifestazione con passaggi su strade normalmente non accessibili da mezzi motorizzati.

Si tratta di un’occasione unica per gli appassionati dell’adventouring di percorrere strade meravigliose raggiungendo in moto luoghi perlopiù inaccessibili e godendo di scenari e panorami mozzafiato. Anche una conquista di maturità della nostra disciplina ed un esempio di collaborazione intelligente tra organizzatori ed amministratori locali.

Facendo base e partenza all’HAT Village di Ponte di Legno, il giro di circa 120 km si snoderà principalmente lungo le strade sterrate delle valli laterali che sono situate tra Incudine e Vermiglio (TN), e passando da luoghi iconici della zona come il Passo Tonale, il Mortirolo, il villaggio di Case di Viso, le piste di sci di Valbione, il Forte Strino, la Valle Grande ed altri ancora.

Si tratta di un giro riservato a gruppi di massimo una decina di motociclisti condotti da una guida esperta dell’associazione Over2000riders che li porterà sul percorso anche con la funzione di sicurezza e controllo.

Lo spirito del giro è quello del viaggio con soste per foto, osservazione dei panorami, commenti, etc. in funzione delle preferenze della maggioranza dei partecipanti. Il livello di difficoltà del percorso è minima, adatto anche a persone non particolarmente esperte.

Il programma di base, identico per sabato e domenica, è questo:

Ore 09.00 Ore 09.40 Ore 10,00 Ore 13.00 Ore 17.00

Accettazione e registrazioni partecipanti c/o HAT Village Ponte di Legno (Piazzale Cida) Formazione gruppi e briefing
Partenza dei gruppi con guida
Sosta pranzo in rifugio

Arrivo c/o HAT Village

I percorsi non sono tecnicamente impegnativi, adatti anche a persone non esperte, però richiedono una preparazione tecnica e fisica adeguata a tempi di guida di circa 6 ore al giorno. Si svolgono per il 70% su strade sterrate in alcuni tratti sassose, ma sempre con larghezza di almeno 2 metri e percorribili con un 4X4. Sono consigliati pneumatici semi-tassellati.

È indispensabile un abbigliamento adeguato al fuoristrada (stivali, protezioni, ecc…) e a possibili variazioni climatiche che, dato il periodo, possono portare ad abbassamenti anche forti di temperatura.

Il costo di iscrizione di 120 euro comprende l’organizzazione del tour, il servizio della guida, un’assicurazione infortuni. Il pranzo verrà regolato direttamente da ciascun partecipante.

L’iscrizione si può effettuare dal sito Over20000riders.com oppure al seguente link:

HAT PONTE DI LEGNO ADVENTOURFEST 17 – 18 / 06 / 23

condividilo con i tuoi amici

Articoli correlati

MOTO, ANCMA: IL MERCATO TORNA A CORRERE, FEBBRAIO CHIUDE A +19,8%

Dopo un inizio 2024 a rilento, il mercato nazionale delle due ruote a motore ritrova grande vigore. Febbraio chiude infatti con un solido +19,8% sullo stesso mese dell’anno scorso, mettendo su strada oltre 28mila veicoli. È quanto si apprende dal comunicato stampa sull’andamento delle immatricolazioni mensili di moto, scooter e ciclomotori diffuso in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Leggi di più >

Di: Strazzari/Engines Engineering – Dirige l’orchestra: Paolo Caprioni – Canta: MINA!

La Ducati DesertX nasce come moto adventouring, una maxi-enduro con una forte vocazione fuoristradistica.

Il Team Kaprioni capitanato dai fratelli Paolo e Stefano e coadiuvati dalla Engines Engineering, un pool di esperti sull’innovazione tecnologica applicata alle moto, hanno scommesso di riuscire a portare il primo prototipo di Mina in Senegal, fin all’arrivo della mitica Parigi-Dakar.

In poco più di un anno, il progetto ha preso forma e Paolo come promesso si è presentato al via dell’Africa Eco Race e dopo circa 6.000 km di piste e sabbia, il sogno di raggiungere le spiagge del Lago Rosa era coronato.
Un sogno che si è concretizzato con un’affermazione di Paolo Caprioni di tutto rilievo, 20esimo assoluto e sesto di classe, con davanti mostri sacri di questo sport, come Cerutti, Botturi e Tarres.

Dopo aver seguito le fasi dello sviluppo andando in visita presso l’headquarter della Engines Engineering (leggi l’articolo https://discoveryendual.com/mina-il-p… o guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=WJ_Te…, abbiamo avuto la possibilità di provarla al rientro della maratona Africana, salendoci in sella nella pista sabbiosa di Pomposa.

Vi racconteremo quali sono state le modifiche e come va, in attesa che ne venga commercializzata una piccola serie e addirittura un kit per equipaggiare tutte le DUCATI DesertX.

Leggi di più >